BIBBIDI BOBBIDI BU…

Pumkin-Cenerentola-1 - www-paroleacolori-com - 350X200

E Walter Veltroni nonostante sforni libri e idee ben retribuite per la Rai trova il tempo, da militante serio (di quale partito?) a richiamare l’unità della sinistra. Insomma tra una cosa e l’altra, come si dice a Roma “impicciato com’è”, si promuove in unità.
Ma si è consapevoli che oggi una sinistra frammentata può favorire la vittoria del centrodestra? Certo vien da sorridere pensando al ritorno del “rigiovane” Cavaliere ma la sua ricomparsa accompagnata da alcuni “desaparecidos “ come Prodi, D’Alema, Veltroni, e lo stesso Pisapia ex Sinistra e Libertà ed altri, ci fa sorridere di più.
Insomma come nella Cenerentola animata di W.Disney siamo al “bibbidi bobbidi bu” (tanto per rendere l’idea).

L’avvento ( non quello della Nascita di Nostro Signore, a scanso di equivoci…) di Matteo Renzi alla guida del Partito Democratico è stato un fattore di scontro e chiarimento nella sinistra italiana; infatti non ha prodotto solo una spaccatura tra vecchia guardia e giovani aggressivi “leoncini da zoo con correlato zainetto” ma ha segnato, sia pure in maniera grossolana, la riproposizione della vecchia distinzione tra una sinistra riformista e una sinistra massimalista capace di proposte ideologiche ammuffite.
Renzi è stata la miccia che ha sconquassato la sinistra.
Il suo modello politico di partito non gli è riuscito nemmeno a colpi di “leopolde”, perché troppo simile alle convention di Berlusconi , solo parate con l’intento di dare “prove di forza” pubbliche.La nascita del Partito Democratico aveva temporaneamente disinnescato le violente lotte intestine nella sinistra solo per combattere compatta contro Silvio e” le sue storie “.
Grazie anche all’allora Presidente Napolitano.
Oggi appare sul proscenio politico nuovamente la divisione sinistra.
Con Renzi, il bersaglio è diventato lui stesso. Quindi ci vuole Berlusconi per vedere la sinistra unita ? Forse si, in fondo fa comodo l’ “usato sicuro”, anche Scalfari, errante padre de La Repubblica, lo dice (forse per anticipare la decisione di Straburgo).
Qualcuno ha sostenuto che l’età ha rimbambito Scalfari altro che…
Forse ha voluto far filtrare che dopo le elezioni si pronuncerà in favore delle larghe intese tra Matteo Renzi e lo stesso Berlusconi.
Né può sorprendere l’uscita del Cavaliere nero nel proporre ( per poi ritrattare ) il rispettabilissimo Generale dei Carabinieri Gallitelli, per legittimarsi ulteriormente sul versante moralità.
Forse le prossime elezioni rappresenteranno il momento esplosivo di questo “andazzo”, con una pesantissima novità: la vittoria dell’astensionismo, primo assoluto partito!
Del resto le elezioni siciliane e quelle di Ostia sono state l’allarmante anticipo della manifesta sfiducia popolare. E il Partito Democratico non vuole rendersi conto, preso com’è, a difendere l’indifendibile: banche, vitalizi e deputati, presidenti e consiglieri regionali disinvolti.
E per distrarre l’opinione pubblica condivido quanto dice Mentana su Renzi e le fake news:” come un comico con il repertorio esaurito…”
Quindi non è un caso che si stia creando una certa contrapposizione tra il Pd di Renzi, che, con i suoi modi settari e autoreferenziali rappresenta una sinistra governativa, e il ticket Grasso-Boldrini che con il Presidente del Senato rappresenta “la sinistra dei migliori” e con quella della Presidente della Camera la sinistra “no a tutto”.
A tenere insieme queste due diverse componenti c’è stato solo il collante del potere governativo, con conseguenze nefaste per il Paese.
Ecco perché siamo tutti alla ricerca di un nuovo equilibrio politico per la Repubblica Italiana, altrimenti continueremo ad assistere al solite mirabolanti promesse bibbidi bobbidi bu…

Immagine dal sito paroleacolori.com
Video dal sito www.youtube.com

di Francesco Petrucci