Dilma Rousseff è la prima donna Presidente del Brasile

di | 1 Dic 2010

Con il 55% dei consensi Dilma Rousseff è la prima donna Presidente del Brasile, ha sconfitto al ballottaggio il rivale social democratico Josè Serra. Dilma Roussef è nata in una famiglia di ceto medio-alto borghese ed educata in modo tradizionale (il padre un noto avvocato ed imprenditore di origine bulgara).

Dilma Vana Roussef, 62 anni, ha raggiunto questo traguardo dopo la militanza nel Partito dei lavoratori sempre al fianco del suo mentore e predecessore, Luis Inacio lula da Silva. Le sue scelte giovanili le fecero sposare la causa delle guerriglia e della resistenza contro la dittatura militare brasiliana (1964-1985) in organizzazione come il Colina (comando de libertacao nacional) e la Var Palmares (vanguardia armada revolucionaria palmares). Per questo trascorse quasi tre anni in prigione tra il 1970 eil 1972, dove venne torturata per 22 giorni. Ricostruì la sua vita a Rio Grande del Sud, dove insieme a Carlos Araujo, suo compagno per più di trenta anni, contribuì alla fondazione del partito Trabullerista (PDT) per sbarcare nelle file del partito dos Trabalhadores (PT) nel 2001.

Il presidente Lula che resterà in carica fino al 1° gennaio 2011 la nominò nel 2005 ministro della casa civile, una sorta di sottosegretario alla Presidenza del consiglio per fare pulizia politica del governo.