Roma – Bruxelles: viaggio di sola andata?

di | 1 Dic 2011

ENGLISH VERSION IN "Documenti"
Resta significativo che il primo provvedimento del nuovo governo sia stato la definizione conclusiva di Roma capitale. Una indicazione altamente simbolica nel momento in cui c’è bisogno di unità e di promuovere un processo di buon governo che dovrebbe impegnare le migliori energie di tutti.

Anche il nuovo modo di comunicare senza enfasi e proclami, ma con discrezione e rispetto della collegialità rappresenta un segnale positivo che dovrebbe ulteriormente rasserenare il positivo confronto in Parlamento. Sicuramente è servito a rasserenare l’opinione pubblica che mostra di apprezzare parecchio il nuovo stile e manifesta attesa fiduciosa per le prossime decisioni operative.

Decisioni che dovranno essere rapide e rispondenti a quei criteri di rigore ed equità di cui c’è bisogno e di cui ha parlato sin dall’inizio il presidente Monti. Il viaggio in Europa diventa allora l’altra indicazione di sostanza e di metodo.

Si tratta per Monti di ribadire la doverosità delle risposte alle stringenti richieste dell’Europa e altresì – attraverso il vertice con la Merkel e Sarkozy – di affermare la presenza dell’Italia come co-protagonista delle scelte e decisioni che riguardano il futuro dell’Europa. Sul tema degli euro bond e del finanziamento del fondo salva-stati il contributo di Mario Monti potrà rivelarsi oltremodo utile, confermando quel nesso Roma – Bruxelles come assolutamente indispensabile.