Dialogo con il cittadino

dal sito www.governo.it della Presidenza del Consiglio dei Ministri
In poco più di due mesi dal suo insediamento, sono giunte al sito del governo circa 2 mila mail rivolte al Presidente del Consiglio. Per valorizzare e dare continuità alla comunicazione abbiamo deciso di aprire uno spazio riservato al dialogo con i cittadini.

Perchè questo spazio

A distanza di 100 giorni dall’insediamento, il Governo presieduto da Mario Monti è intervenuto su temi importanti: la riforma del sistema previdenziale, il contrasto all’evasione fiscale, la crescita economica, la salvaguardia dei conti pubblici, le semplificazioni amministrative, per citarne alcuni.

La complessità dei temi trattati, l’attenzione degli investitori internazionali, l’interesse della società civile per le azioni intraprese dall’Esecutivo e, soprattutto, la forte volontà del Governo di avviare un rapporto schietto e vivace con i propri interlocutori, i cittadini, sono le motivazioni che fondano questo spazio. Valorizzare e dare continuità alla comunicazione: è con questi due obiettivi in mente che abbiamo deciso di aprire “Dialogo con il Cittadino”. Nella sezione troverete documenti esplicativi, approfondimenti, rapporti, un modulo per esprimere le vostre opinioni e, presto, anche sondaggi.

Per dedicare l’attenzione necessaria all’analisi dei messaggi di posta elettronica e di quelli cartacei è stato costituito un gruppo di lavoro che monitora e gestisce i flussi informativi in ingresso. Ne fanno parte giornalisti, comunicatori, giuristi, sociologi e tecnici informatici. I canali di comunicazione con il Governo sono diversi. Il primo, e più importante, è la sezione “Dialogo con il Cittadino” sul sito del Governo. Qui è presente un modulo per inviare un messaggio. I dati richiesti a chi scrive vengono trattati nel rispetto della legge sulla privacy. Altri canali sono le segreterie personali dei Sottosegretari, o il Segretariato generale della Presidenza del Consiglio. Anche qui vengono recapitate un numero consistente di lettere. Il personale delle segreterie, dopo averne valutato il contenuto, provvede a inoltrarli all’Ufficio stampa e del Portavoce, che ne prende carico.

Chi, e perché, scrive al Governo?

Il numero di cittadini che sentono il bisogno di comunicare con il Governo è consistente. Da fine novembre 2011 ai primi giorni di febbraio 2012, due mesi appena, più di 4000 persone hanno scritto attraverso la posta elettronica. Sono almeno altrettante le lettere vere e proprie.

La frequenza dei messaggi non è regolare. In concomitanza con eventi particolari, ad esempio, il numero di messaggi aumenta. Oltre 400 cittadini hanno scritto un messaggio di posta elettronica nei quattro giorni immediatamente successivi all’approvazione del decreto “Cresci Italia”. È il segnale di un’attenzione forte nei confronti dell’attività del Governo. Dal 29 gennaio (giorno di pubblicazione della sezione “Dialogo con il cittadino”) al 31 gennaio, i messaggi di posta elettronica arrivati sono triplicati: oltre 1500 messaggi che il gruppo di lavoro ha classificato e selezionato per temi, in modo da dare a tutti risposte rapide, pertinenti ed esaurienti.*

La qualità dei messaggi ricevuti è estremamente variabile. Alcuni scrivono per complimentarsi o esprimere una critica. I temi sono quelli dell’attualità politica nazionale e internazionale. La maggior parte, tuttavia, scrive per condividere le proprie idee o fare proposte. Oltre il 30% dei cittadini vogliono avere chiarimenti sul Governo e sulla sua attività. Più della metà dei cittadini (56%) scrive al presidente Monti per esprimere un sentimento di “gratitudine e fiducia” nel suo operato e con l’intento di formulare proposte per contribuire a risolvere la crisi e far ripartire la crescita. Il 44% dei messaggi di posta elettronica chiedono maggiori sforzi al Governo per ridurre i “costi della politica e della pubblica amministrazione” e una maggiore attenzione verso i giovani, il lavoro, la famiglia. A tutti questi cittadini l’Ufficio stampa e del Portavoce risponde personalmente, ringraziandoli per il sostegno dato al Governo, fornendo informazioni utili, indirizzandoli verso le strutture competenti e segnalando ai tecnici le idee e i suggerimenti ricevuti.

Cosa trovo nello spazio Dialogo con il Cittadino?

Lo spazio “Dialogo con il Cittadino” è diviso per sezioni tematiche. Contiene, anzitutto, i quesiti ricorrenti posti dai cittadini e le relative risposte, in italiano e in inglese. Per facilitarne la consultazione gli argomenti sono stati raggruppati per Macroaree. Al momento ne sono state individuate 11. Altre se ne aggiungeranno nel corso del tempo.
C’è poi una sezione video. Qui vengono pubblicati i filmati in cui il Presidente è intervenuto dialogando direttamente con i cittadini.
Attraverso la sezione “Partecipa” è possibile inviare i propri commenti e idee. Tutti i dati inviati vengono trattati nel rispetto della normativa sulla privacy.
I temi trattati vengono riassunti in un report statistico a cadenza periodica: una volta al mese. Inoltre, dei messaggi più significativi vengono proposti alcuni estratti.
Lo spazio Approfondimenti contiene un dettagliato elenco di tutti i principali provvedimenti adottati dal Governo, corredati da link e documenti utili per comprenderne la portata.
Nella sezione Al servizio dei Cittadini diamo spazio alle iniziative che i singoli Ministeri o Dipartimenti hanno lanciato per favorire la partecipazione dei cittadini all’adozione delle politiche pubbliche.


*nel numero non rientrano le lettere arrivate tramite posta ordinaria e le mail inviate ad altri indirizzi istituzionali.

 

Post Comment