Che brutto tempo che fa!

Traduzione di Maria Rivas
ENGLISH VERSION in "Documenti"

Renato Brunetta potrà apparire un piccolo grande antipatico, ma di certo molto preparato.
Le sue argomentate critiche agli ingenti compensi Rai, espresse nella trasmissione della costosa ditta Fazio-Littizzetto, hanno aperto un varco nella coscienza popolare degli Italiani provati dalla crisi, che, leggono cifre milionarie percepite dai telepredicanti moralisti del sabato e della domenica.

Si, gli stessi che si sono serviti del ricatto: non presenteremo Sanremo 2014 se non ci garantirete il contratto fino al 2017, con la “scusa/balla” insostenibile di produrre pubblicità autocompensante.
Il comico Crozza, visto il maltempo ha rinunciato al megacompenso Rai (480.000 euro a puntata del suo programma) ed è rimasto alla 7, avveduto…
Ma il dato più sconcertante è la difesa d’ufficio del Direttore generale Rai che difende a spada tratta questi campioni di sobrietà, quando lui stesso e la Tarantola Presidente non forniscono dati chiari sulle vere cifre dei contratti e sugli esigui ricavi pubblicitari! Bella trasparenza a noi inermi pagatori del canone.
Oltre a Brunetta anche il Grillo 5stelle ha sottolineato questo proprio e vero scandalo.
Un Direttore generale che ci ha propinato palinsesti archeologici con trasmissioni trite e ritrite, ci somministra talk show con i “soliti noti”, parlamentari di ogni salsa con stipendi esagerati che non si sono ridotti nemmeno di un euro i lauti stipendi.
Signor Gubitosi e Signora Tarantola, abbiate il buon gusto di dimettervi e dare dell’Italia una immagine diversa! Vi siete accorti che in Italia si fa la fame?

Ma per favore….
 

Post Comment