PECULATO: CALABRIA; M5S, “OLIVERIO DEVE DIMETTERSI SUBITO”

PECULATO: CALABRIA; M5S, “OLIVERIO DEVE DIMETTERSI SUBITO”
“Il governatore della Calabria, Mario Oliverio, deve dimettersi subito. Egli ha difeso a oltranza e senza riserve morali la nomina di Antonino De Gaetano, anche col silenzio tombale tenuto nella sua recente audizione in Antimafia”. Lo dichiarano i parlamentari del M5s calabresi Dalila Nesci, Nicola Morra, Paolo Parentela, Federica Dieni e Riccardo Nuti, in seguito alla notizia degli arresti domiciliari per l’assessore regionale, coinvolto nell’inchiesta della Procura di Reggio Calabria sulla gestione dei fondi dei gruppi consiliari. “Nonostante destinatario di tre informative e di una richiesta di arresto per presunto appoggio elettorale dalla ‘ndrangheta, De Gaetano – proseguono i parlamentari M5s – e’ stato mantenuto al suo posto da Oliverio, che non ha voluto ascoltare nessuno…
dal sito www.infooggi.it
* * * * * * * * * * * *
VALENTINA CORRADO, CAPOGRUPPO DEL M5S LAZIO, DICHIARA:
“Nello stesso giorno in cui la giunta e la maggioranza sventolano i fondi europei per cercare di recuperare il consenso perso con gli sviluppi di Mafia Capitale è stato pubblicato l’avviso per indire una procedura ristretta accelerata per la stipula di un mutuo di 182.443.093,09 euro, con ammortamento in 20 anni, per finanziare il programma degli investimenti della Regione Lazio per il 2015. Nell’evento odierno hanno distribuito numeroso materiale pubblicitario con lo slogan “Il Lazio è più forte”, evidentemente si sono scordati di aggiungere “grazie ai mutui che pagheranno i nostri figli”. Non so quanto tempo ancora Zingaretti potrà reggere la finzione del Lazio che riparte mentre i suoi dirigenti girano col cappello per ottenere i fondi necessari a portare avanti gli investimenti che il Presidente si è già ‘venduto’ come realizzati, anche con inserzioni sui giornali. La sensazione è che quando Zingaretti sarà costretto dagli eventi ad abbandonare finalmente la trincea di via Cristoforo Colombo lascerà un Lazio ancora più disastrato di quello che ha trovato.”
Immagine dal sito www.iltempo.it
da Gruppo Consiliare M5S Regione Lazio
*
 * * * * * * * * * * *
LISTE D’ATTESA INFIITE IN TUTTO IL LAZIO UNDICI MESI PER UNA MAMMOGRAFIA
Quando, scorrendo il calendario, la voce del centro unico di prenotazioni riesce a fissare l’appuntamento, al fin troppo “paziente” arriva come un’autentica mazzata tra capo e collo: un anno di attesa. E non solo perché si tratta proprio di un’ecografia per il capo ed il collo: 364 giorni di fila prevista al Distretto di Pietralata, quello dell’ospedale Sandro Pertini (ma anche dieci mesi ad Albano, quasi nove a Tor di Quinto e otto e mezzo a Tor Bella Monaca). Ma non c’è solo l’esame radiologico che studia la testa e le ghiandole del cervice a far aspettare così tanto nel Lazio: un anno di attesa è richiesta, infatti, anche per potersi sottoporre all’ecodoppler dei tronchi a Velletri (362 giorni, mentre al distretto Rm E XIX sono 349, contro i 336 di Sora e i 308 di Frosinone) e per quello degli arti ad Anzio (360 giorni, a fronte dei 350 di Tor di Quinto e i 335 del capoluogo ciociaro)…
dal sito www.iltempo.it
* * * * * * * * * * * *
MAFIA CAPITALE, LE BUGIE DEL Pd VINCENZI SULL’ EMENDAMENTO IN FAVORE DI BUZZI
Due emendamenti. Due proposte di modifica alla legge regionale 147/2014 di cui parlano, intercettati, i due protagonisti dell’inchiesta Mafia capitale, citando come proponente Marco Vincenzi, allora capogruppo Pd (ora dimissionario) alla Regione Lazio. Vincenzi ha poi negato di averli presentati, ma oggi il Movimento 5 Stelle li ha scovati, con tanto di sua firma in calce.
Secondo i magistrati della Procura di Roma, l’ex capogruppo Pd alla Regione Lazio era stato citato da Salvatore Buzzi mentre illustrava a Massimo Carminati “gli emendamenti che Testa (Fabrizio ndr) avrebbe dovuto portare, in originale, in Regione relativi ai nuovi finanziamenti che sarebbero stati ottenuti grazie all’intervento di Luca Gramazio (1,2 milioni ndr) e Marco Vincenzi, capogruppo Pd in Regione Lazio (600.000 euro, ndr)”, si legge nell’ordinanza della seconda tranche dell’inchiesta che sta travolgendo il Comune di Roma e i vertici della Pisana…
* * * * * * * * * * * *
CIVATI :
“Il centrosinistra si è rotto, questo dicono i ballottaggi, e il suo elettorato è spaesato, non solo dove la laguna è diventata palude. Lo sfondamento a destra ha portato a destra tutti quanti. Non è una buona notizia per il Pd, né per la sinistra. Ed è un’ottima notizia per la destra, come si temeva.”
Immagine dal sito www.lastampa.it
* * * * * * * * * * * *
BALLOTTAGGI, IL CENTRODESTRA VINCE IN 5 CAPOLUOGHI. PD PERDE VENEZIA E AREZZO
Contrariamente al solito, i ballottaggi premiano il centrodestra. Con un’affluenza molto bassa al 47,11%, il centrodestra vince al ballottaggio in 5 comuni capoluogo contro i 4 del centrosinistra. Nelle precedenti elezioni il centrosinistra vinse 7-4. Manca ancora il risultato del comune di Enna, dove si voterà fino a lunedì alle 15. Il centrodestra strappa al ballottaggio i sindaci di Venezia, Arezzo, Matera, confermando i comuni di Rovigo e Chieti. Il centrosinistra strappa al ballottaggio i sindaci di Mantova e Trani, confermando i comuni di Lecco e Macerata. Il Pd perde in Toscana ma va bene in Lombardia…
* * * * * * * * * * * *
IL FANTASMA DELLA COMMISSIONE

Non c’è solo l’inesorabile rosa­rio degli inter­ro­ga­tori dell’inchiesta Mafia Capi­tale a met­tere sotto quo­ti­diana pres­sione il sin­daco di Roma Marino, il pre­si­dente del Lazio Zin­ga­retti, le loro giunte e per ultimo anche il Pd romano ormai spro­fon­dato sotto una botta dif­fi­cile da assor­bire. Ora c’è anche il fan­ta­sma del com­mis­sa­rio straor­di­na­rio per il Giubileo, nella per­sona del pre­fetto Gabrielli, che ieri si è mate­ria­liz­zato sulla prima di Repubblica («Blitz del governo, Giu­bi­leo com­mis­sa­riato») e da lì si è abbat­tuto sui nervi sco­perti della poli­tica della Capi­tale. Marino in realtà era a Lon­dra per un viag­gio lampo: si vede ancora sin­daco fino al 2018, è certo di avere l’appoggio di Renzi, e per que­sto aveva con­fer­mato l’incontro con l’ad di Goo­gle Art per avviare la digi­ta­liz­za­zione del patri­mo­nio arti­stico dei musei comu­nali…
                                 * * * * * * * * * * * *
MAFIA CAPITALE, SEGRETERIA DI MARINO A BUZZI: “TUA IDEA PIACE TANTO A IGNAZIO”

Mafia Capitale arrivava fino a Silvia Decina. Negli atti dell’inchiesta emerge un contatto diretto tra la segretaria del sindaco Ignazio Marino e Salvatore Buzzi, il ras delle cooperative. Nell’estate 2014 la catena Leroy Merlin vuole aprire un centro commerciale nei pressi dell’area dove ha sede il campo rom de La Barbuta, , scrive Il Messaggero, offrendo in cambio della riqualificazione dell’area 10 milioni di euro da investire “per il sociale”. La cifra faceva gola a Buzzi, che si attivava immediatamente e, racconta egli stesso, contattava Lionello Cosentino, al tempo segretario del Pd di Roma: “Hanno parlato con Erica Battaglia (presidente della commissione Politiche sociali, ndr) e con Masini (assessore alle periferie, ndr). Sarebbero disposti a fare un’Ati, la Leroy Merlin, l’impresa costruttrice e la 29 giugno Eriches per la gestione di questa cosa – racconta Buzzi – allora ho mandato subito un messaggino a Lionello Cosentino dice ‘vieni domani’. Perché, continua Buzzi, “invece di andà’ dai vari assessori, andiamo direttamente da Lionello e ne parliamo con il sindaco, questa è roba da sindaco”…
* * * * * * * * * * * *
MAFIA CAPITALE, l’AGENDA DI BUZZI: ECCO TUTTI GLI INCONTRI CON I POLITICI
Salvatore Buzzi in agenda segnava tutto, con attenzione. Appuntamenti con politici di destra e di sinistra, compleanni eccellenti e perfino le morti di personaggi famosi, da Lucio Dalla al cardinale Martini. Non solo: segna avvenimenti politici, come l’inizio del governo Letta o la chiusura delle gare, che forse interessavano di più. Così scorrendo l’agenda dell’uomo ritenuto dalla Procura il braccio “sinistro” dell’ex Nar Massimo Carminati, sembra quasi di entrare negli aspetti privati di tre anni di vita (dal 2011 al 2013) fatti anche di appuntamenti frequenti dal dentista e cene dalla mamma…
                           * * * * * * * * * * * *
MAFIA ROMA, SANTORI: GIOCHETTI DEL PD, INTANTO ROMA E’ FERMA

Oggi consiglio regionale Zingaretti cosa viene a raccontarci? Dimissioni subito
“Marino si deve dimettere e Zingaretti pure. Evitino l’onta del commissariamento che sembra veramente una strada obbligata per il Prefetto. E’ una questione anche di opportunità politica, si parla e si discute solo di Mafia Capitale da mesi e si continuerà a farlo ancora nei mesi a venire. E intanto? I cittadini sono due volte vittime di questa vergogna, perché ora ne subiscono tutti gli effetti di una città paralizzata, di periferie abbandonate, di un dibattito che non può non vertere che su Mafia Capitale. I problemi di Roma si sono tristemente aggravati in questi anni, serve una guida legittimata, determinata, credibile, onesta e aggiungiamo competente”, così in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio.
“E’ tutto molto surreale, i romani vittime di questi giochetti della politica, con Orfini che decide il futuro di Roma nelle stanze di partito, di fatto commissariando il Sindaco, e la Presidente della Regione Friuli Venezia Debora Serracchiani che viene a dirci che il PD a Roma si sta comportando bene, senza mai aver visto neanche un metro delle sue periferie. Vomitevole il silenzio del premier Renzi. E non sopportiamo neanche più gli scaricabarile che il centrosinistra sta regalando ai romani. Domani in consiglio regionale sentiremo il presidente della Regione Zingaretti raccontarci altre balle ma questa volta non passeranno. Siamo ormai agli sgoccioli e la mestizia che permea Cristoforo Colombo e la Pisana ne sono una conferma”, conclude Santori.
Immagini dal sito www.iltempo.it; www.qn.quotidiano.net; www.omniroma.it
* * * * * * * * * * * *
MAFIA CAPITALE, CORRADO: DOMANI ULTIMA SEDUTA DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO
Valentina Corrado, capogruppo del M5S Lazio, dichiara:
“Dopo quanto raccontato da Buzzi e riportato dai quotidiani si può affermare serenamente che quella di domani sarà l’ultima seduta del Consiglio di questa legislatura.
Non so come il PD potrà giustificare la foto pubblicata oggi da La Repubblica in cui si vede il capogruppo Vincenzi mentre riceve un foglietto da Buzzi che, secondo la ricostruzione della stampa basata sulle intercettazioni, dovrebbe essere legato ad un aumento dei finanziamenti alle Coop di Buzzi attraverso un emendamento.
Non so per quanto ancora Zingaretti, con Magrini arrestato e Venafro indagato, potrà continuare a recitare la parte della principessa imprigionata in una torre che non si accorge di tutto quello che accade nel castello.
Non possiamo permettere che una regione vada alla deriva per le ingerenze criminali e per le guerre di potere nei partiti degli arrestati, quindi Zingaretti rimetta domani le sue dimissioni e lasci i cittadini laziali di decidere se continuare ad essere rappresentati da indagati, arrestati e da chi svolge attività politica solo per proprio interesse e per agevolare gli amici a spese di tutti noi.”
                             * * * * * * * * * * * *
CARMINATI, IL RE DELLA MALA OGNI MESE INCASSA  LA PENSIONE  D’INVALIDITA’ DALL’INPS
Massimo Carminati non si è mai fermato davanti a nulla. Estorsioni, ricatti, minacce, sempre esercitate con la medesima disinvoltura: «Non nominare più il mio nome in giro sennò ti taglio in due». La sua regola: «Sobrietà e discrezione». Esercitate con maestria al punto che, nonostante i lauti proventi della sua organizzazione criminale, «viveva con la pensione di invalidità». Ex Nar, quando venne arrestato nell’81 perse l’uso di una gamba e l’occhio sinistro. Da quel momento, ogni mese, è arrivato puntuale l’assegno dell’Inps…
* * * * * * * * * * * *
PIU’ RIFUGIATI NEL LAZIO? NEI BANDI PER I CENTRI DI ACCOGLIENZA ANCHE LE COOP DELL’INCHIESTA MAFIA CAPITALE
«Se Lombardia e Veneto – ed eventualmente altre amministrazioni locali – dovessero veramente bloccare l’arrivo di migranti e rifugiati sul loro territorio, come annunciato dai rispettivi governatori, il Lazio sarà una di quelle regioni nelle quali con ogni probabilità verrà rivisto – in aumento – il numero di immigrati da accogliere. Un colpo di scena che arriva dopo che a Roma e provincia sono state individuate le cooperative che potrebbero assicurare i servizi (ma anche gli edifici stessi) per i centri di accoglienza sul territorio fino al prossimo 31 dicembre, dopo la chiusura del bando della Prefettura: alcuni di quei nomi tuttavia sono finiti nelle indagini del nuovo filone dell’inchiesta su Mafia Capitale e potrebbero quindi portare – come confermato dalla Prefettura – a una serie di verifiche incrociate sulla loro idoneità. I soggetti in questione sono Inopera, Senis Hospes, Un Sorriso (la stessa coop rimasta coinvolta negli assalti al centro rifugiati a Tor Sapienza nell’autunno 2014) ed Eta Beta…
* * * * * * * * * * * *
DOPO TREDICI ANNI FINISCE l’ERA DI TAYYP ERDOGAN. I FILOCURDI IN PARLAMENTO
Una svolta in Turchia, per la prima volta i filocurdi entrano in Parlamento con oltre il 10% delle preferenze esprimendo 80 deputati. L’Akp ha ottenuto il 40,8% dei consensi a fronte del 49% ottenuto nel 2011, ovvero la maggioranza con 225 rappresentanti su 550.Le elezioni turche hanno visto una affluenza dell’85%. I nazionalisti del Mhp hanno messo a segno un 16,4% ovvero 82 seggi (nel 2011 erano 50) ed Erdogan con Mhp potrebbe dare vita a un esecutivo per le future riforme costituzionali. Si conferma seconda forza politica del paese il Chp con il 25,1% con 131 rappresentanti in Parlamento.
(Ndr)
Immagine dal sito www.tgcom24.mediaset.it
* * * * * * * * * * * *
GLI ARRESTI DI GRAMAZIO E MAGRINI CERTIFICANO I CONTATTI FRA MAFIA CAPITALE E REGIONE LAZIO
La notizia dell’arresto di Magrini, dirigente regionale, nell’inchiesta su Mafia Capitale non è una sorpresa per chi come noi da mesi denuncia in aula e sulle pagine di giornale i legami tra Magrini e Buzzi, quindi tra regione e Mafia Capitale.
Magrini è colui che Buzzi definiva un “padreterno” e che Zingaretti ha nominato in una posizione dirigenziale ‘di studio’, un arresto quindi che, insieme a quello dell’ex capogruppo di FI, getta l’ennesima ombra sulle istituzioni regionali. Zingaretti venga oggi stesso in aula a riferire e a rispondere alle nostre domande, non cerchi come sempre un nastro da tagliare per sfuggire alle proprie responsabilità.
* * * * * * * * * * * *
RIFIUTI, BLASI: ARRESTI CERTIFICANO CHE LA MALAGESTIONE RIFIUTI PROLIFERA ANCHE IN PROVINCIA
Silvia Blasi, consigliera del M5S Lazio, dichiara:
“Gli arresti di imprenditori e funzionari pubblici e le perquisizioni nell’ambito dell’operazione “Vento di Maestrale” eseguiti questa mattina a Viterbo certificano quello che ripetiamo da quando ci siamo insediati, la malagestione dei rifiuti non si limita a Roma e a Malagrotta ma prolifera in provincia, da Nord a Sud. iI reati contestati sono truffa, falso materiale, falso ideologico, frode in pubblica fornitura e abuso d’ufficio nella gestione dei rifiuti nell’ambito della Provincia di Viterbo e nella raccolta e igiene urbana della Città di Viterbo. Aspettiamo gli sviluppi dell’inchiesta che individueranno le responsabilità, noi come M5S Lazio percorreremo tutte le strade istituzionali a nostra disposizione per fare piena luce sulla vicenda.”
* * * * * * * * * * * * *
PD-CENTRODESTRA 5 A 2 DE LUCA IN CAMPANIA, KO IN LIGURIA
Roma, 1 giu. – Pd batte centrodestra 5-2. Il risultato delle regionali appare ormai definitivo (anche se in Campania non c’e’ l’ufficialita’): al Pd vanno con votazione plebiscitaria Toscana, Marche e Puglia; successo di misura in Umbria e in Campania. Il centrodestra trionfa senza ostacoli in Veneto e strappa la Liguria alla sinistra…
dal sito www.agi.it
* * * * * * * * * * * *
IMMIGRAZIONE, LE STIME DI BRUXELLES NEL 2014
Immigrati, secondo le stime di Bruxelles nel 2014 sono arrivate in Italia 170 mila migranti e 54 mila in Grecia mentre nei primi mesi del 2015 gli arrivi sono stati 26 mila in Italia e 28 mila in Grecia. Di questi oltre il 40% sono siriani ed eritrei.
                                                               (Ndr)       Immagine dal sito www.rainews.it
* * * * * * * * * * * *
IL NEBRASKA, STATO AMERICANO, HA ABOLITO LA PENA DI MORTE CON 30 VOTI A FAVORE CONTRO 19
Lo stato del Nebraska dopo 40 anni ha abolito in termini definitivi la pena capitale. Non solo è il primo stato conservatore ma lo ha fatto opponendosi al veto del governatore repubblicano che fino all’ultimo si è opposto .Nello stato del Nebraska dal 1977 non è stata eseguita nessuna condanna a morte. Attualmente i dieci condannati a morte commuteranno la condanna a carcere a vita.
(Ndr)
Immagine dal sito www.repubblica.it
* * * * * * * * * * * *
ABOLITI I VITALIZI  AI CONDANNATI, OK ANCHE IN SENATO
L’ufficio di Presidenza ha approvato la delibera con i voti a favore di Pd, Sel, Sc, Fdi, e Lega. Ok dalla Camera e dal Senato alla delibera che blocca la corresponsione del vitalizi agli ex deputati condannati per reati considerati gravi. Poi è arrivato il via libero dal consiglio di Presidenza del Senato. Sono cosi aboliti i vitalizi ai deputati per pene superiori ai due anni per i reati di mafia, terrorismo, pubblica amministrazione e tutti i reati con condanne superiore ai sei anni. La sospensione non si applica ai parlamentari riabilitati.
(Ndr)
Immagine dal sito www.corriere.it
* * * * * * * * * * * *
GRAN BRETAGNA, NUOVO GOVERNO INTRODURRA’ NUOVE MISURE DI CONTROLLO PRE GLI IMMIGRATI
Il nuovo governo di Cameron rinegozierà le relazioni del Regno Unito con la Ue, lo ha annunciato la Regina Elisabetta nel presentare la nuova agenda legislativa. Inoltre il nuovo governo entro il 2017 dovrà indire un referendum circa l’adesione alla Ue.
                                                                     (Ndr)               Immagine dal sito www.ilmessaggero.it                              * * * * * * * * * * * * 
FIFA, ARRESTATI A ZURIGO I VERTICI  DEL PALLONE PER CORRUZIONE, BLATTER RISCHIA LA RICONFERMA
Funzionari della Fifa sono stati arrestati in Svizzera su richiesta degli Usa. Per tutti l’accusa è corruzione , riciclaggio e frode telematica. L’inchiesta riguarda due decenni di pratiche ai vertici dell’organo di governo del calcio mondiale. Il Presidente Blatter Sepp, l’uomo più potente del calcio mondiale non risulta incriminato ma l’inchiesta è un brutto colpo sulla strada della sua rielezione.
(Ndr)
Immagine dal sito www.ansa.it
* * * * * * * * * * * *
IN CALO A MAGGIO LA FIDUCIA DEI CONSUMATORI, STABILE QUELLA  DELLE IMPRESE
I giudizi e le attese dei consumatori nell’attuale situazione economica peggiorano. Le aspettative sulla disoccupazione peggiorano. Riguardo le imprese sale l’indice del clima di fiducia verso le imprese dei servizi di mercato mentre scendono quelli del settore manifatturiero, delle costruzioni e del commercio al dettaglio.
                                                                     (Ndr)
Immagine dal sito www.repubblica.it
* * * * * * * * * * * *
SVIZZERA, EVASORI ALLA BERLINA
Gogna mediatica per gli evasori con un conto in Svizzera. La Svizzera ha pubblicato su internet le generalità di noti e facoltosi correntisti provenienti da Germania ,Gran Bretagna, Paesi Bassi, India, Spagna, Norvegia, Repubblica Ceca, Polonia Svezia, Israele, Russia, Francia.
(Ndr)
Immagine dal sito www.ticinolive.ch
* * * * * * * * * * * *
FURTI IN CASA E RAPINE, IL GOVERNO ITALIANO CON UN EMENDAMENTO AUMENTERA’ LE PENE , 2-8 ANNI ANZICHE’ 1-6
Pugno duro del governo contro i furti e le rapine in casa. Il guardasigilli sta per depositare alla Camera dei deputati un emendamento per innalzare il tetto della pena per i furti in appartamento che vedrebbero puniti con un minimo di due anni ad un massimo di 8 anni. Di pari passo cresce la pena per le rapine che passa da 3 anni a 4 anni per il minimo mentre resta 10 per il massimo.
                                                             (Ndr)
Immagine dal sito www.italiaoggi.it
* * * * * * * * * * * * *

Post Comment