Migranti, l’Ungheria richiama i riservisti e completa il muro…

 

L’emergenza migranti continua nell’est europeo. L’Ungheria ha richiamato i riservisti per «gestire la situazione dell’immigrazione di massa». Lo riportano i media ungheresi. Il Paese intanto ha completato la barriera di filo spinato di 41 km alla frontiera con la Croazia. «La barriera difensiva è stata portata a termine ieri sera», ha detto un portavoce del ministero della Difesa. Gli altri 330 km del confine con la Croazia sono segnati dal fiume Drava, difficilmente valicabile dai migranti.

Ieri quaranta agenti croati entrati in Ungheria su un treno con mille migranti sono stati disarmati e registrati dalle autorità ungheresi. Il macchinista del treno è stato posto sotto la custodia della polizia e i migranti sono stati portati in un centro di registrazione. Il portavoce del governo ha smentito una dichiarazione del governo di Lubiana che sosteneva che il trasporto di migranti in Ungheria fosse stato concordato. Sono arrivati – ha detto il portavoce – senza nessuna consultazione.

La polizia slovena ha cominciato stamani a far entrare nel Paese gruppi di migranti in attesa alla frontiera con la Croazia, in corrispondenza del valico di Rigonce-Harmica. Ieri sera a tale punto di passaggio vi erano stati incidenti, con la polizia slovena che aveva sparato gas lacrimogeni contro gruppi di profughi che avevano forzato il cordone di agenti per entrate in Slovenia. Una decina di migranti erano rimasti feriti.

Post Comment