ITALIA, RECORD DI MORTI PREMATURE RISPETTO AGLI ALTRI PAESI DELLA UE PER INQUINAMENTO

ITALIA, RECORD DI MORTI PREMATURE RISPETTO AGLI ALTRI PAESI DELLA UE PER INQUINAMENTO
Senza titolo-18L’Agenzia Europea per l’Ambiente fa presente che, 84.400 decessi nel 2012 su un totale di 491.000 a livello europeo. L’area più colpita è l’area della Pianura Padana. Secondo questi dati nel 2012 , 59.500 decessi prematuri sono attribuiti al particolato fine (PM 2,5), 3.300 all’Ozono (0,3) e 21.600 al Biossido di Azoto (NO2). Resta il dato più eclatante dell’Italia che guida la classifica europea delle morti da biossido di azoto, dovuto come noto agli scarichi delle auto in particolare dai veicoli diesel. Come ozono siamo i primi in Europa, mentre per le polveri sottili emesse dalla combustione delle biomasse, condividiamo la prima posizione insieme alla Germania. L’area più colpita per le mini polveri si conferma quella della Pianura Padana, con in testa le città di Brescia, Monza, Milano, ma anche Torino, Venezia. Secondo molti ricercatori il rapporto dell’Agenzia Europea è destinata a creare scalpore anche a livello di UE con la sola Olanda che si è opposta finora ad una decisione che alla luce del nuovo rapporto sarà difficilmente difendibile.

(Ndr)

Immagine dal sito www.corriere.it

Post Comment