INTERVISTA A MONS. ORLANDO ANTONINI di Goffredo Palmerini

monsi

INTERVISTA A
MONS. ORLANDO ANTONINI
di Goffredo Palmerini


Sulla Ricostruzione de L’Aquila

Abbiamo chiesto un parere ad un insigne studioso di architettura urbana, mons. Orlando Antonini, Nunzio apostolico, voce autorevole nelle questioni che riguardano la qualità della ricostruzione e l’appropriatezza degli interventi intorno al centro storico della città. La Bellezza e la Qualità della città, secondo mons. Antonini, sono infatti cespiti rilevanti sui quali costruire il futuro turistico dell’Aquila ed una prospettiva economica non effimera per l’intero territorio. A tale scopo ogni intervento dev’essere preordinato alla Bellezza della città e alla Qualità delle soluzioni architettoniche. Lo studioso, con le sue numerose pubblicazioni sull’architettura religiosa e urbana, è un punto di riferimento non eludibile. Particolarmente dopo il terremoto del 2009, sul tema della ricostruzione dell’Aquila, mons. Antonini ha scritto un volume di rilevante interesse, “L’Aquila Nuova negli itinerari del Nunzio” (One Group Edizioni, 2012) postulando con dettagliate proposte una ricostruzione della città “meglio di com’era”. Dunque scientificamente qualificati ed autorevoli gli spunti offerti dallo studioso, pure in questa occasione, rispondendo alle nostre domande in una breve intervista. Mons. Orlando Antonini arcivescovo di Formia già Nunzio Apostolico

Monsignor Antonini, in questi giorni si parla molto del progetto di viadotto tra Porta Napoli e la Mausonia. Agli Aquilani pare non vada a genio, ma la Regione presenterebbe il progetto al Governo in tempi rapidi per l’approvazione. Lei cosa ne pensa?

“Devo essere contrario; soprattutto se, come ho visto sulla stampa, il viadotto fosse non ad arcate ma strallato, ovvero con alti pennoni e relativi tiranti controvento. L’opera inferirebbe un’altra brutta ferita al paesaggio del fiume Aterno e della sua valle, sarebbe un altro grave attentato alla bellezza dello skyline cittadino proprio adesso che si sta completando il restauro della sua suggestiva cinta muraria. Il centro storico aquilano è monumentale nei suoi singoli edifici religiosi e civili ma anche nel suo tutt’uno urbanistico racchiuso entro le Mura civiche. Lo si deve salvaguardare evitando di frapporre diaframmi di tal fatta al suo godimento. Già la recente conferenza organizzata da Italia Nostra ha molto opportunamente stigmatizzato il fatto che si sia tralasciato di decurtare e ridisegnare i pretenziosi alti caseggiati che spuntano lungo il circuito murario deturpando il profilo urbano storico. Non peggioriamo dunque le cose. Ne va del futuro dell’Aquila e del suo territorio.”

I fautori del progetto sostengono però che esso è strategico, necessario per migliorare la viabilità del capoluogo e dei suoi collegamenti con la regione e con la Capitale…
“Col ponte che s’intende realizzare il peso del traffico intra moenia su Via XX Settembre da Porta Barete a Porta Napoli rimarrebbe tutto: dov’è l’alleggerimento?
Solo una viabilità territoriale che aggiri ai suoi piedi il colle cittadino evitando l’ingresso entro le Mura di mezzi pesanti e meno pesanti migliorerebbe, diminuendolo, il traffico in città. Quanto all’accesso all’area industriale ovest e al nuovo centro commerciale, si tratta di ben pochi chilometri, la spesa non vale la candela. Non a costo, comunque, di compromettere quello che di più prezioso abbiamo: la bellezza paesaggistica e urbanistica, nostra unica risorsa e condizione per una maggiore qualità di vita di quanti abitano e abiteranno la città.”

Lei ha detto che il viadotto di cui parliamo dovrebbe essere almeno del tipo a svelte arcate. Intende sia così anche per il ricostruendo ponte di Belvedere?
“Certo, anzi specialmente per il ponte di Belvedere, perché incombe d’immediato sul tessuto urbano antico. L’ho fatto ridisegnare a campate ad arco fin dal 2012 nella mia pubblicazione L’Aquila nuova negli itinerari del Nunzio, a pagina 70. La struttura in calcestruzzo resterebbe la medesima: verrebbero soltanto coperti alla vista i due lati del viadotto con leggere tamponature arcuate. Beninteso non sono contrario ad inserti moderni in un tessuto antico, tipo la piramide del Louvre. Ma devono armonizzare con le cubature antiche di contesto e per questo occorrono architetti di genio. Tutto ciò, sempre nell’obiettivo di una maggiore bellezza. Già adesso amici diplomatici stranieri che passando per Roma vengono a visitare la città e il suo contado dietro mio invito, affascinati dalla bellezza, appunto, della nostra arte e della nostra natura, alla fine se ne escono spesso nel desiderio di comprare qui casa. Figurarsi quanto sarebbero appetibili L’Aquila e i borghi ricostruiti più belli di prima.”

A proposito di bellezza: non le sorge il dubbio che sia inutile parlare di bellezza per una città vuota di abitanti?
“Vuoto, a rigore, è il centro storico, ma la periferia dove vive la maggior parte degli abitanti è ripopolata già a due/tre anni dal terremoto. Sono certo che per l’amore appassionato che gli Aquilani nutrono per la loro città anche il centro si ripopolerà a mano a mano si proceda nella ricostruzione privata e nelle necessarie infrastrutture e servizi di cui oggi, al contrario che nei post-sismi precedenti, non si potrebbe fare a meno per vivere. In ogni modo si noti: temi come il ripopolamento del centro storico, la bellezza, la sicurezza, ecc., sono tutte facce dello stesso poliedro che è la ricostruzione, non devono prendersi per antitetiche e alternative, ma complementari. Ognuno di noi sollecita, sottolinea, denuncia anche, la faccia che più gli è congeniale, e se guadagna il supporto delle associazioni culturali e della cittadinanza come accaduto per Porta Barete si potranno sollecitare e coadiuvare le istituzioni a mettere assieme queste istanze e tradurle in atto. La mera ripopolazione del centro storico riporterebbe L’Aquila al semplice statu quo ante, e con solamente i poli universitario, amministrativo ed industriale non vedrebbe aperte nuove prospettive, né risolti i suoi problemi, e i giovani continuerebbero a fuggire. Ricostruire una città più bella e artisticamente più competitiva di prima nasce sì da un’urgenza estetica, ma nel nostro caso anche da una ragione utilitaristica: far uscire dalla crisi il nostro territorio giusta la strategia del FAI: “un’integrazione tra paesaggio e cultura, tradizione e innovazione, industria e turismo”. Turismo che a tutt’oggi costituisce la maggiore entrata del bilancio nazionale.”

Immagine dal sito www.aquilatv.it

Post Comment