Marisa Albanese. Sentieri di mani

01 Locandina - Marisa Albanese - www-beniculturali-it - 350X200 - 91a1fc28d9b43ea28ea8eba6b3dd970a9ce7c25

Marisa Albanese. Sentieri di mani

Dal 23 gennaio all’8 marzo 2016 l’Istituto centrale per la grafica organizza la mostra Sentieri di mani di Marisa Albanese. E’ un progetto espositivo condiviso con Maria Antonella Fusco, Antonella Renzitti e Angela Tecce. Marisa Albanese vive e lavora tra Napoli e Milano, la sua produzione artistica è ampia e comprende diverse modalità espressive. L’artista infatti nelle sue installazioni fa convivere sculture ambientali con il disegno, la fotografia e le tecnologie analogiche e digitali.
Nelle tre sale di Palazzo Poli si presentano due grandi installazioni: la prima, dal titolo Mare chiuso, evocazione del “nostro” Mediterraneo oggi teatro di fughe e disperazione, è una macchina disegnante programmata per tracciare segni su di una distesa di sale marino. La seconda installazione, Cosa ferma le altalene?, è composta da cinque altalene di cristallo che, tracciando delle linee casuali di polvere di ferro, alludono al flusso nomade di popoli non sempre mossi da una libera scelta. Nella terza sala, insieme ad alcuni disegni dell’artista, viene presentato Diariogramma India dove l’esperienza di viaggio diviene punto di incontro tra il movimento della matita sulla carta e i sussulti incontrollati che i mezzi di locomozione producono sul corpo dell’artista.
I temi che stimolano la curiosità della Albanese, dalle trasformazioni del paesaggio naturale alle mutazioni socio politiche, non rimangono dunque nell’ambito del concettuale, ma vengono costantemente elaborati in un fare, individuale e collettivo insieme. L’artista esorta il visitatore a percorrere insieme a lei degli itinerari, a compiere dei gesti.
Il tema di fondo rimane il viaggio, il rivelarsi attraverso lo spostamento, l’incontro con l’altro. Le riflessioni e le azioni sono ambientate in quella zona del mondo divenuta ormai cruciale per le migrazioni di popoli che dal Medio Oriente cercano rifugio in Occidente.
L’artista donerà alle collezioni dell’Istituto alcune opere tra quelle prodotte per la mostra tra le quali l’inedito video d’animazione Fughe dai confini.
La mostra fa parte della rassegna Grafica Femminile Singolare. Iniziata da Maria Antonella Fusco, Dirigente dell’Istituto centrale per la grafica, nella simbolica data dell’8 marzo 2012, la rassegna consente al pubblico di conoscere lo sguardo delle donne, sia esso espressione artistica o lettura critica.
Il catalogo, edito da Corraini Edizioni, contiene i testi delle curatrici Maria Antonella Fusco, Antonella Renzitti, Direttore del Dipartimento del Contemporaneo dell’Istituto centrale per la grafica e Angela Tecce Direttore del Polo Museale della Calabria.

Roma, Palazzo Poli
dal 23 Gennaio 2016 all’08 Marzo 2016

dal sito www.beniculturali.it