Il sondaggio: «Capitale in declino». La rabbia dei romani, stanchi e delusi

Il sondaggio: «Capitale in declino». La rabbia dei romani, stanchi e delusi

È una città arrabbiata e delusa, stanca della sua burocrazia paralizzante, della piovra corruttiva che si è infiltrata negli uffici comunali, che sente umiliato il suo prestigio a livello internazionale. Ma è anche una comunità, quella romana, che ha voglia di riscatto e che, nonostante il malumore diffuso per la situazione attuale, ha intenzione di mettersi in fila ai seggi per cambiare una classe dirigente locale che considera inadeguata. E anche per spazzare via la sensazione, sempre più radicata, di una città avviata al declino. È questo lo spaccato di Roma che emerge dal sondaggio realizzato da Ipr Marketing, commissionato dall’associazione Roma Progetto 2025.

IMMOBILISMO Per la stragrande maggioranza dei romani (il 73%) la qualità della vita è insoddisfacente. I più scontenti sono gli anziani (85%). Solo il 22% dei residenti si sente di esprimere una valutazione positiva sulla vivibilità della Città eterna. Per tre romani su quattro poi la situazione, negli ultimi 6-7 anni, è peggiorata. Soprattutto per le donne. Le cose sono cambiate in meglio solo per il 3% del campione. Da qui si spiega la convinzione, per la maggioranza assoluta dei residenti, che la Città eterna stia vivendo una fase di decadenza. Colpa, soprattutto, di un ceto politico che viene giudicato inappropriato dal 71% dei cittadini.

dal sito www.ilmessaggero.it