Migranti, “più di 400 morti nel Mediterraneo. Erano partiti dall’Egitto e diretti in Italia”

Apr 13, 2016 - Palermo, Italy - BAREFOOT, with only the clothes they stand in, these are some of the 6,000 migrants rescued off Sicily in just three days.After being plucked from the sea or from rickety boats, they wait in line wrapped in brightly-coloured thermal blankets after getting off the vessel that has brought them to the Italian island.The Norwegian ship recovered a total of 900 migrants, including 25 women and three children, and took them to Palermo. One Norwegian soldier 'high-fived' the new arrivals as they filed off the boat. (Credit Image: Roland Hoskins/Daily Mail/SOLO Syndication) LaPresse Only italySbarco di migranti in Sicilia

Migranti, “più di 400 morti nel Mediterraneo. Erano partiti dall’Egitto e diretti in Italia”

Ne ha dato notizia Bbc Arabic, secondo cui “erano a bordo di quattro imbarcazioni sfasciate” che si sono ribaltate. Si tratta per la maggior parte di cittadini somali. L’ambasciatore somalo in Egitto ha confermato l’incidente. Mattarella: “Questa ennesima tragedia ci deve far pensare”

Più di 400 migranti, per la maggior parte somali, sono annegati nel Mar Mediterraneo mentre cercavano di raggiungere le coste meridionali dell’Europa su quattro barconi che si sono ribaltati. La Bbc Arabic, che ha dato la notizia confermata poi dall’ambasciatore somalo in Egitto e dal direttore esecutivo di Human Rights Watch Kenneth Roth, cita “rapporti egiziani” secondo cui i migranti “erano a bordo di quattro imbarcazioni sfasciate“. Ancora da confermare l’indiscrezione, diffusa sui social media, che i 400 fossero partiti dall’Egitto alla volta dell’Italia.
Il corrispondente della Bbc in Kenya ha fatto sapere di aver parlato con i parenti di tre giovani somali della stessa famiglia che sarebbero tra i morti, mentre l’ambasciatore somalo in Egitto ha confermato l’incidente, affermando che l’ambasciata sta valutando la posizione da adottare rispetto all’accaduto. Secondo i media somali, una trentina di persone sono state tratte in salvo. Alcuni utenti somali hanno condiviso la foto di una lista scritta a mano, che conterrebbe i nomi delle vittime.
La notizia arriva a tre giorni dall’allarme dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni, secondo cui alla fine della scorsa settimana sono sbarcati in Italia ben 6mila migranti. Esattamente un anno fa, il 18 aprile 2015, un naufragio nel canale di Sicilia aveva causato 58 vittime accertate e tra 700 e 900 dispersi. Il bilancio della tragedia di oggi, se confermato, sarebbe peggiore di quello della strage del 3 ottobre 2013, quando i morti accertati furono 366.
Domenica sera altri sei cadaveri sono stati recuperati su un gommone carico di migranti diretto verso l’Italia, che si trovava nel Canale di Sicilia, a circa 20 miglia dalle coste libiche. Nel corso dell’operazione, coordinata dalla centrale operativa di Roma della Guardia Costiera, sono state salvate 108 persone, tra le quali cinque donne. La centrale ha inviato a soccorrerli la nave Aquarius, appartenente ad una ong. L’unità ha raggiunto il gommone che, a causa del mare molto mosso, rischiava di capovolgersi. I migranti hanno segnalato la presenza dei sei cadaveri, che sono stati trasferiti sulla nave. L’Aquarius sta ora facendo rotta verso le coste italiane.
Eventi sui quali, ha commentato il presidente della Repubblica, è necessario riflettere. “Di pensare oggi ce n’è veramente bisogno, ce lo ricorda l’ennesima tragedia del Mediterraneo pare con centinaia di morti a un anno dalla tragedia in cui ne morirono 800″. Pensare è necessario – ha concluso Mattarella in apertura del suo discorso di presentazione ai David di Donatello – e il cinema aiuta a pensare”.

dal sito www.ilfattoquotidiano.it