CGIL: Dai nuova vita ai diritti, firma per proposta di legge su ‘Carta dei diritti universali’

CGIL - Carta dei diritti dei lavoratori - 350X200

CGIL: Dai nuova vita ai diritti, firma per proposta di legge su ‘Carta dei diritti universali’

La Carta per i diritti universali del lavoro (testo integralecommentario) è la riscrittura del diritto del lavoro in nome di un principio di uguaglianza che travalichi le varie forme e tipologie nelle quali esso si è diversificato e frammentato negli anni. Tutta la Cgil è impegnata in un grande confronto che mette al centro le tutele dei lavoratori, in questi anni attaccate e indebolite da un pervicace processo di destrutturazione. Le tutele di tutti, non solo dei subordinati pubblici e privati, la Cgil parla anche a tutta la galassia dei lavoratori parasubordinati, veri o finti autonomi, a professionisti e atipici, flessibili, precari, discontinui.
La Cgil con la Carta, un testo composto da 97 articoli, propone un progetto di legge di iniziativa popolare, ovvero di un nuovo Statuto delle lavoratrici e dei lavoratori, che estenda diritti a chi non ne ha e li riscriva per tutti alla luce dei grandi cambiamenti di questi anni, rovesciando l’idea che sia l’impresa, il soggetto più forte, a determinare le condizioni di chi lavora, il soggetto più debole. E i diritti fondamentali sono variegati, vanno dal compenso equo e proporzionato alla libertà di espressione, dal diritto alla sicurezza al diritto al riposo, ma anche alle pari opportunità e alla formazione permanente, un aggiornamento costante di saperi e competenze. La ridefinizione dei principi universali, le norme legislative che diano efficacia generale alla contrattazione in base a regole di democrazia e rappresentanza valide per tutti, la riscrittura dei contratti di lavoro sono i tre pilastri della proposta di legge a sostegno della quale sarà avviata una raccolta di firme.

E’ iniziata il 9 aprile la raccolta firme a sostegno della legge di iniziativa popolare e dei quesiti referendari. In tutta Italia si terranno iniziative nei luoghi di lavoro e nelle piazze. La campagna per i quesiti referendari proseguirà fino all’8 luglio, mentre quella per la Carta terminerà l’8 ottobre. Consulta l’elenco dei luoghi dove è possibile firmare.

Intanto, a sostegno della Carta si stanno svolgendo in tutta Italia iniziative nei luoghi di lavoro e nelle piazze. Il pullman dei diritti ha ripreso il suo viaggio lungo la penisola, tanti gli eventi musicali che animeranno le piazze durante la raccolta firme:
5 Maggio 2016 – Modena ­ Modena City Ramblers – Piazza Grande – patrocinio del Comune
21 Maggio 2016 – Bologna ­ – Iskra Menarini
23 Maggio 2016 – Venezia ­ – Modena City Ramblers
30 Maggio 2016 – Perugia – ­ Enzo Avitabile
31 Maggio 2016 – Torino ­ Mau Mau – Piazza della Repubblica
1 giugno 2016 ­ Milano ­ Iskra Menarini – Darsena,Porta Ticinese
3 Giugno 2016 – Firenze ­ – Il Parto Delle Nuvole Pesanti
4 Giugno 2016 – Cagliari ­ – Tazenda
5 Giugno 2016 – Ancona – ­ Il Parto Delle Nuvole Pesanti
6 Giugno 2016 – Pescara ­ – Modena City Ramblers
14 Giugno 2016 – Napoli ­ – Med Free Orkestra
15 giugno 2016 ­ Potenza ­ – Modena City Ramblers
16 Giugno 2016 – Cosenza ­ – Modena City Ramblers
18 Giugno 2016 – Palermo ­ – Mario Incudine

I tre quesiti referendari pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n.69 del 23 marzo 2016, finalizzati al sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare, avranno come oggetto i seguenti temi: 1. la cancellazione del lavoro accessorio (voucher); 2. la reintroduzione della piena responsabilità solidale in tema di appalti; 3. nuova tutela reintegratoria nel posto di lavoro in caso di licenziamento illegittimo per tutte le aziende al disopra dei cinque dipendenti. Scarica il pieghevole e il volantino.

È possibile firmare online l’appello a sostegno della ‘Carta’, clicca qui e aderisci  (Leggi l’appello)

Il 19 marzo si è conclusa la consultazione straordinaria degli iscritti Cgil. In soli due mesi si sono svolte 41.705 assemblee, uno sforzo politico ed organizzativo senza precedenti, un grande fatto di democrazia e partecipazione che conferma il radicamento senza eguali del sindacato confederale nella società italiana.
I due quesiti posti in consultazione, sui quali si sono espressi col voto 1.466.697 iscritte ed iscritti alla Cgil, hanno fatto registrare una larghissima maggioranza di favorevoli: il 98,49% per quanto riguarda l’approvazione della ‘Carta dei diritti’ ed il 93,59% per quanto concerne il mandato al Comitato Direttivo della Cgil di definire quesiti referendari utili a sostenere il percorso per la trasformazione della ‘Carta’ in legge.

dal sito www.cgil.it