Mostra: Dante Alighieri “Più splendon le Carte” Manoscritti, libri, documenti, biblioteche: Dante “dal tempo all’etterno”

Locandina Mostra su Dante a Torino - www-beniculturali-it - 350X200

Mostra: Dante Alighieri “Più splendon le Carte” Manoscritti, libri, documenti, biblioteche: Dante “dal tempo all’etterno”

La Biblioteca Reale di Torino e la cattedra di Filologia e Critica dantesca dell’Università degli Studi di Torino (Dipartimento di Studi umanistici), con la collaborazione della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino e dell’Associazione Culturale MetaMorfosi, organizzano una mostra di codici, libri e documenti danteschi denominata «Più splendon le carte.» Manoscritti, libri, documenti, biblioteche: Dante “dal tempo all’etterno”, aperta al pubblico dal 17 giugno 2016 al 31 luglio 2016.

L’esposizione si inserisce nell’ambito delle iniziative promosse in Italia e nel Mondo per ricordare Dante Alighieri e rientra nel programma dei Centenari Danteschi (1265-2015 ~ 1321-2021), aperti solennemente il 4 maggio 2015 nell’aula del Senato della Repubblica Italiana alla presenza del Presidente della Repubblica.

La mostra – articolata in sezioni – intende offrire al visitatore la possibilità di vedere dal vivo alcuni tesori librari che in sette secoli di storia hanno contribuito alla fortuna di Dante e di capire il ruolo che hanno tuttora le biblioteche per la tutela di questo straordinario patrimonio librario. Perse tutte le sue carte – di Dante infatti non è rimasto alcun manoscritto autografo –, la fortuna del poeta è legata a quanti nel tempo hanno ammirato e amato le sue opere, copiandole, stampandole, studiandole. Il visitatore avrà inizialmente la possibilità di entrare idealmente in uno scriptorium trecentesco, ammirando attraverso pregevoli codici le modalità di trascrivere, illustrare e commentare la Divina Commedia nel secolo XIV. Le sezioni successive guideranno il visitatore alla scoperta di quei libri a stampa, dagli incunaboli alle moderne edizioni, che hanno segnato la fortuna non solo della Divina Commedia, ma anche di altre opere dantesche, e alla scoperta di alcuni insigni studiosi del passato che hanno letto e commentato Dante: in questa sezione verranno in particolare esposti documenti di archivio dell’Università di Torino relativi a ricerche e lezioni universitarie del primo Novecento. L’ultima sezione intende illustrare la fortuna planetaria del poeta, attraverso l’esposizione di alcune edizioni della Divina Commedia in altre lingue.
ORARI
lunedì-domenica e festivi 9.00-18.00
Biglietteria presso la Biblioteca Reale
ingresso: 6€ (gratuito per i possessori del biglietto dei Musei Reali, non valido per la prima domenica di luglio)

L’evento prevede, oltre alla mostra presso la Biblioteca Reale anche lo svolgimento di conferenze e letture dantesche.

Programma conferenze presso l’Auditorium della Biblioteca Nazionale di Torino, ore 17.00.:

23 giugno 2016
Sabrina Stroppa, Università degli Studi di Torino
Dio, nemico, desiderio, «accidente in sustanzia»: Amore nella lirica italiana antica

30 giugno 2016
Giuseppe Noto, Università degli Studi di Torino
«Galeotto fu ’l libro e chi lo scrisse». Francesca e Paolo e il triangolo erotico nelle letterature romanze medievali.
A seguire evento musicale a cura di Stefania Gerbaudi (soprano) e Anna Barbero (pianoforte)

7 luglio 2016
Massimo Manca, Università degli Studi di Torino
Cerbero, la gola e il numero tre: leggere il sesto canto dell’«Inferno»

14 luglio 2016
Donato Pirovano, Università degli Studi di Torino
«Vita nuova»: un libro nuovo

21 luglio 2016
Attilio Cicchella, Università del Piemonte orientale
«Legato con amore in un volume»: breve storia dell’editoria dantesca

Torino, Biblioteca reale
dal 17 Giugno 2016 al 31 Luglio 2016

dal sito www.beniculturali.it