Malagrotta: Porrello (M5S LAZIO): Malagrotta chiusa dall’Europa, il Lazio non può continuare senza piano rifiuti

Malagrotta - www-iltempo-it - 350X200

Malagrotta: Porrello (M5S LAZIO): Malagrotta chiusa dall’Europa, il Lazio non può continuare senza piano rifiuti

Devid Porrello, capogruppo del M5S Lazio, dichiara:

“L’Assessore Buschini si inserisce a pieno titolo nella gloriosa tradizione inaugurata da Zingaretti e Civita di ripetere che “Malagrotta è chiusa” ogni volta che si affronta il problema dei rifiuti.

Il problema è che i rifiuti e la relativa impiantistica non sono argomenti che questa Giunta ha saputo affrontare in maniera seria e decisa in questi tre anni e mezzo di governo. Oggi il PD parla molto dell’intervista di Cerroni ma non del passaggio in cui l’avvocato con cui hanno fatto affari negli ultimi decenni indica chiaramente la colpa di questa amministrazione regionale: l’assenza di un piano rifiuti. Perfino colui che è stato il re è padrone di questo settore nella nostra Regione ha capito quello che noi diciamo,dal primo giorno che siamo entrati. La revisione totale del piano è la “conditio sine qua non” per uscire dal perenne stato di emergenza di questa regione in ambito rifiuti. E’ stata l’Europa a chiudere Malagrotta nel 2013, non Zingaretti o Marino, e da allora nè Buschini, nè Civita nè Zingaretti hanno pianificato nulla. Bisogna andare oltre l’uso propagandistico dei dati sulla raccolta differenziata, instaurare un sistema virtuoso dei rifiuti, aggiornare l’impiantistica e mettersi tutti al lavoro per salvare il Lazio, non solo Roma. Se la Giunta ha intenzione di vivacchiare altri 2 anni è meglio che lasci il posto a cittadini che hanno voglia di amministrare sul serio questa regione.”

Immagine dal sito www.iltempo.it

da Gruppo Consiliare M5S Regione Lazio