Dopo Nizza anche la Normandia è stata colpita

Francia - Rouen - Normandia - www-repubblica-it - 350X200

Dopo Nizza anche la Normandia è stata colpita

A due settimane dalla strage di Nizza il nuovo attacco rappresenta un colpo duro per la Francia. Da più di un anno il paese transalpino sta subendo senza sosta e nel suo territorio una serie di attentati da parte di Isis. In Francia è presente una delle più grandi comunità musulmane d’Europa. L’ultimo attacco terroristico avvenuto pochi giorni fa in una chiesa parrocchiale in una mattina d’estate e quasi vuota con una irruzione improvvisa ha stroncato la vita del parroco che diceva messa. Nessuna causa può giustificare questo ultimo abominio. Il metodo Jihadista di uccidere è sempre diverso ed inaspettato. Mai nessuno esercito ha minacciato un paese con questi mezzi. La guerra che sta conducendo l’Isis non è una guerra solo contro la Francia ma hanno ucciso a Baghdad, Tel Aviv, Beirut, Orlando, Parigi, Tolosa, Nizza e in Normandia. E’ un terrorismo che prende la mira e mette a repentaglio la libertà individuale, della città, della nazione. Intanto questi continui attentati montano le polemiche sulla sicurezza. Il ministro dell’interno francese ha annunciato che 10 mila militari sono impegnati a presidiare il territorio. Tre mila siti religiosi sono stati messi in sicurezza e sembrerebbe che il ministro dell’interno starebbe preparando un piano per siglare un Concordato con l’Islam francese. Il presidente francese Hollande ha annunciato la formazione di una guardia nazionale in Francia attingendo dalle forze riserviste esistenti per proteggere meglio i cittadini dagli attacchi terroristici. Le consultazioni per la formazione di tale forza inizierà in settembre.

Immagine dal sito www.repubblica.it