I numeri dei migranti nel 2016

Migranti - www-ilpost-it - 350X200

In Italia gli sbarchi continuano allo stesso ritmo del 2015 nonostante la chiusura della “rotta balcanica”, mentre in Grecia si sono quasi fermati

Negli ultimi mesi, nonostante l’attenzione dei media sia sensibilmente diminuita, la crisi dei migranti non si è arrestata e, ogni settimana, migliaia di persone attraversano il Mediterraneo cercando di arrivare in Europa. Rispetto all’anno scorso la situazione è comunque sensibilmente cambiata. L’Italia è tornata ad essere il primo paese d’arrivo dei migranti, con numeri paragonabili a quelli dell’anno precedente. In Grecia, invece, che l’anno scorso era stata attraversata da quasi un milione di persone, gli arrivi sono quasi cessati completamente, anche grazie all’accordo sottoscritto tra Unione Europea e Turchia per rallentarne il flusso. Ecco cinque punti sintetici per farsi un’idea della situazione ad oggi.

La situazione in generale
Nel corso del 2016, 249.801 persone hanno attraversato il Mar Mediterraneo, più o meno lo stesso numero dell’anno scorso nello stesso periodo. Diversi fattori, però, fanno pensare che il totale dei migranti che arriveranno in Europa quest’anno sarà inferiore al totale del 2015, quando gli sbarchi furono più di un milione. Da gennaio, il numero degli sbarchi mensili sta continuando a calare. Il calo è particolarmente pronunciato in Grecia, dove il flusso sembra essersi quasi completamente arrestato. Gli sbarchi, invece, restano costanti in Italia. Nel 2015, più della metà del totale degli arrivi nel corso dell’anno avvenne tra settembre e novembre. A meno di improvvise inversione di tendenza, quindi, il numero degli sbarchi quest’anno sarà sensibilmente inferiore.

I morti in mare
Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM), quest’anno nel Mediterraneo sono morti 3.034 migranti, mentre in tutto il 2015 i morti sono stati 3.771. La maggior parte muoiono per annegamento quando le imbarcazioni che utilizzano si rovesciano o affondano a causa del loro cattivo stato, ma ci sono stati anche numerosi casi di asfissia a causa delle esalazioni dei motori. La rotta del Mediterraneo centrale, che dalle coste del Nordafrica porta in Italia, è ritenuta la più pericolosa, a causa delle maggiori distanze che è necessario coprire. Tre quarti dei migranti morti nel 2015 hanno perso la vita lungo la rotta tra Italia e Libia. Il viaggio tra Turchia e isole greche è ritenuto molto più sicuro, perché il viaggio dura poche ore anziché giorni.

Gli arrivi in Italia
Secondo la IOM, fino al 30 giugno 2016 sono sbarcati in Italia 78.487 migranti, contro i 70.354 sbarcati nello stesso periodo del 2015 (PDF). Secondo i dati dell’UNHCR, che fornisce i dati degli sbarchi mese per mese, nel solo mese di luglio sono sbarcate in Italia 17.878 persone, contro le 23.186 sbarcate nel luglio 2015. Le cifre mese per mese mostrano come nel corso del 2016 gli sbarchi di migranti siano stati più o meno pari a quelli avvenuti nello stesso periodo dell’anno scorso. Nella comparazione tra i due anni si vede che all’inizio del 2016 c’è stato un aumento, a cui ha corrisposto una diminuzione in primavera e nei mesi estivi. La chiusura della rotta balcanica, quindi, non ha prodotto, come molti temevano, un aumento dei flussi verso l’Italia.

La nazionalità dei migranti
Secondo i dati dell’UNHCR, che coprono il periodo che va dal gennaio 2015 al marzo 2016, il 23 per cento delle persone sbarcate in Italia proveniva dall’Eritrea, il 14,9 dalla Nigeria e l’8,1 per cento dalla Nigeria (PDF). I dati del ministero dell’Interno confermano che l’Italia è per molti migranti un paese di transito. A maggio, l’ultimo mese per cui sono disponibili dei dati, 9.320 migranti hanno fatto richiesta di asilo, sui quasi 20 mila sbarcati nello stesso mese. Il numero maggiore di richieste è arrivato da cittadini nigeriani e pachistani, con circa 1.300 richiedenti per ciascuno dei due gruppi.

Rotta balcanica
La chiusura della rotta balcanica nel marzo dell’anno scorso e l’accordo tra Unione Europea e Turchia hanno ridotto moltissimo il numero di persone che sbarcano in Grecia, il paese europeo dove nel corso del 2015 sono arrivati più migranti. Secondo i dati UNHCR, nel mese di luglio sono arrivate in Grecia 940 persone, contro le quasi 50 mila sbarcate nel corso dello stesso mese l’anno scorso. Una delle ragioni che hanno portato al rallentamento del flusso verso la Grecia è l’accordo con cui la Turchia si è impegnata a bloccare i migranti che cercano di partire e a rimpatriare quelli che arrivano in Grecia. In cambio l’Unione Europea ha offerto 6 miliardi di euro in aiuto alla Turchia. L’accordo è stato molto criticato per le sue implicazioni umanitarie e per il fatto di essere stato sottoscritto con un governo che, in particolare nelle ultime settimane, ha dimostrato di essere molto autoritario. Dal punto di vista pratico, però, funziona, ha scritto il New York Times insieme a molti altri esperti.

dal sito www.ilpost.it