Rapporto sulla politica estera italiana: il governo Renzi. Edizione 2016

Quaderni 17 - Rapporto IAI - www-iai-it - 350X200

Rapporto sulla politica estera italiana: il governo Renzi. Edizione 2016

Le sfide più impegnative di politica estera con cui si è misurato il governo Renzi – la crescente instabilità del vicinato, la crisi migratoria, l’acuirsi della minaccia terroristica, le riemergenti turbolenze finanziarie – possono trovare un’efficace risposta solo a livello europeo, in una rinnovata capacità dei membri dell’Ue di agire in modo collettivo e solidale. L’Unione europea è in effetti rimasta il principale campo di azione della diplomazia italiana. Tuttavia, i progetti di riforma delle politiche Ue sostenuti o promossi dal governo, che miravano a rafforzare i meccanismi e gli strumenti di integrazione e solidarietà fra i paesi membri in settori chiave come la governance economica e la politica migratoria, hanno fatto limitati progressi. Vi sono state anche periodiche tensioni con le istituzioni europee, che hanno fatto riemergere una disputa mai sopita sulla ripartizione dei compiti e delle responsabilità tra livello europeo e nazionale. Alcune persistenti debolezze strutturali dell’Italia hanno continuato a limitarne la proiezione internazionale, ma lo sforzo del governo per rafforzare il ruolo del paese in diverse aree di primario interesse nazionale, a partire dal Mediterraneo, ha dato alcuni frutti significativi. L’Italia ha continuato a partecipare a numerose missioni internazionali di natura civile o militare, in alcuni casi anche con responsabilità di comando. La riforma dello strumento militare ha però segnato il passo. Anche nel campo del diritto l’Italia dovrebbe colmare alcune lacune che pesano negativamente sulla sua credibilità internazionale. Presentato alla conferenza “La politica estera del governo Renzi e le opzioni post-Brexit”, Roma, 21 luglio 2016.

dal sito www.iai.it