LA SAGA O LA SAGRA DEI MEDICI? FORSE ERANO LE PUNTATE DI “E.R. MEDICI IN PRIMA LINEA”, PARLA DI MEDICI NO?
di Renè Cacciarelli degli Orsini

Elaborazione Immagine di Sabrina Corradi
         Elaborazione Immagine di Sabrina Corradi

La Rai di Renzi è diventata come la televisione ai tempi del Comintern Sovietico.
Prova ne è la patetica e incoltissima fiction sui Medici nella Firenze prerinascimentale.
Una bufalona a tinte fosche con uno sguardo a opere che al tempo di Cosimo il Vecchio non esistevano (Cupola del Brunelleschi poi rimaneggiata).
Le curiosità propinate da Frank Spotnitz nella serie tv “I Medici – Masters of Florence” sonostate oggetto delle disapprovazioni motivate dello storico dell’arte Philippe Daverio.
Infatti l’autore dei testi ha più volte fatto capire di essersi preso alcune “licenze” nella narrazione della serie, ma questa “allegra licenza” è stata appunto criticata da Daverio, secondo cui “non è permesso falsificare la storia” ed ha aggiunto, e condivido, “offrire ai giovani un’immagine così da paccottiglia di un passato glorioso è un crimine contro i beni culturali”. La mistificazione della storia crea falsi miti con scadenze ravvicinate, come le uova al supermercato.
Romanzare va bene ma storpiare per compiacere no!
Cosimo de’ Medici, sicuramente è stato uno che di potere, banche ed usura se ne intendeva molto, ma era anche uno studioso infaticabile, perché è stato idealizzato in benefattore?
Ecco, ho l’ardire di spiegare l’arcano mediceo.
Qualche cortigiano esterno amico di Renzi ha voluto celebrare con questa fiction rustichella l’epopea del Fiorentino di Rignano al Governo imbastendo un comico parallelo col Cosimone del XV Secolo per celebrare e ingigantirlo.
Motivo centrale il primo, secondo oscurare l’apostata Floris, il quale ogni martedì azzoppa l’anatra del Giglio, ora avete ben capito Cari Lettori?
Una cosa seria che Renzi dovrebbe prendere in considerazione dalla Fiction è il sarto, potrebbe pure Vestirsi con broccati a tinte fosche ma si allunghi pantaloni e giacche, è sempre Presidente del Consiglio!

di Renè Cacciarelli degli Orsini