IL “PRET-A-COUTURE” DI VITTORIO CAMAIANI AD ALTAROMA
di EJF

AltaRoma - Elisa Josefina Fattori - EJF - Vittorio Caimani - Vestito Bianco - Elisa Josefina Fattori - EjF - Elisa Josefina Fatttori - 350X200

Vittorio Camaiani muove i primi passi nell’Atelier dello stilista Massimo Fioravanti, diventando – appenaAltaRoma - Elisa Josefina Fattori - EjF - Vittorio Caimani - Commenti - EJF - Elisa Josefina Fattori diciottenne – il primo assistente. All’inizio degli anni‘90 nasce il marchio “Vittorio Camaiani”, che sviluppa uno stile proprio ed una visione di eleganza concreta e femminile, reale e contemporanea. Grande appassionato d’arte che spesso traspone e reinterpreta, il suo lavoro è stato definito “Prêt-à-Couture” a voler sottolineare la natura dei suoi capi: ovvero quando la macchina da cucire si ferma e lascia spazio alle mani. Ideatore della formula-evento “Atelier per un giorno”, Vittorio Camaiani presenta in diverse città d’Italia le proprie collezioni. Qui, in un’atmosfera da atelier anni ’50, la cliente si riavvicina al capo di sartoria con la possibilità di scegliere stoffe, colori e modelli su misura. Nel 2016 ha esposto i suoi abiti presso il Museo “Mc Cord” di Montreal in occasione di una mostra dal nome “Eleganza” che ha racchiuso i maggiori stilisti italiani dal 1954 ad oggi, quali Fontana, Capucci, e Valentino.


La sua collezione P/E 2017 è dedicata al pittore Velázquez e ai suoi baffi. Perché?

“Per un vezzo barocco. I baffi di Velázquez erano perfetti, rivisitandoli sono divenuti il leitmotiv della collezione.”

Le caratteristiche distintive di questa nuova collezione?
“Un seicento riletto nelle linee e portato sulla donna d’oggi.”

Che tipo di donna vestirà?
“Una donna che ha voglia di un racconto da narrare a modo proprio.”

Ogni sua collezione rappresenta un viaggio artistico ispirato ad un personaggio o ad un’epoca storica. La sua è Moda senza tempo? O un voler contraddire la Moda come manifestazione caduca dell’iperconsumismo contemporaneo?
“Non saprei. La mia matita porta su carta le mie emozioni, le quali si scontrano con il mondo in cui viviamo. Spero che potranno lasciare qualcosa del mio presente.”

Nel 2013 ha presentato le sue creazioni in Cina. È stato ospite a “CiaoItaly” salone organizzato dall’Euro-Asia Economic Forum e sostenuto dal governo di Xi’an per promuovere il Made in Italy. L’Italia rappresenta ancora l’eccellenza della sartorialità o c’è qualcosa da imparare dal fashion system cinese?
“Sicuramente l’Italia ha ancora l’allure di un tempo e l’Alta Moda italiana è molto apprezzata in Cina, ma oggi dobbiamo saper osservare il “sistema fashion” che arriva da questi grandi Paesi.”

Cosa non le piace del circuito italiano della Moda?
“Troppa fretta di fare e di arrivare, una corsa continua in cui si rischia di perdere la cura del dettaglio. Nella Storia della Moda preferisco la lentezza di altri momenti, ecco perché il mio viaggio nella Couture guarda spesso il passato.”

Il capo che non dovrebbe mai mancare nel guardaroba di una signora?
“Pochi pezzi da abbinare fra loro, come fossero in una valigia: una camicia bianca un pantalone, una gonna e un foulard. Pezzi basici a cui aggiungere il resto.”

Definisca il suo marchio con tre aggettivi. Vittorio Camaiani è:
“Senza tempo, sartoriale e… l’altro lo lascio scegliere a voi.”

di EJF

IL “GIARDINO SEGRETO” DI GIADA CURTI AD ALTAROMA

Elisa Josefina Fattori - EJF - Il Giardino Segreto di Giada Curti Ad AltaRoma - Elisa Josefina Fattori - EJF - 350X200.jpg

Giada Curti vive la moda fin da bambina quando la nonna Eva le trasmette la passione per quest’arte. Nel Elisa Josefina Fattori - EJF - GIADA CURTI - Elisa Josefina Fattori - di EJF2002 sposa Antonio Curti, titolare dell’omonimo atelier che da oltre cinquant’anni è punto di riferimento per l’Alta Moda Sposa italiana. Insieme rendono l’azienda un marchio internazionale. Partecipa ogni anno alle Fashion Week Internazionali come ospite d’onore in rappresentanza dell’Italia, a New York, Pechino, Mosca e Dubai. Alle sue collezioni sono stati dedicati celebri shooting e copertine su riviste specializzate come Runway, Vogue, Grazia, Glamour, Elle e Book.

Cosa contraddistingue la collezione P/E 2017 “Giardino Segreto” dalle sue precedenti collezioni?
“Nelle passate collezioni non ho mai utilizzato le stampe ma in questa sono state fonte d’ispirazione e le ho rese protagoniste.”

Perché ha scelto di prendere spunto dall’opera di Sir Lawrence Alma-Tadema, pittore inglese dell’800?
“Tadema è stato un artista legatissimo all’Italia e alle rovine dell’antica Roma, con il suo romanticismo ha trasformato tutte le donne in regine di fiori.”

Lo scorso ottobre ha presentato questa collezione a Dubai alla Huawei Arab Fashion Week. Come sono state accolte le sue creazioni dal pubblico arabo?
“Da dieci anni vivo a Dubai che è diventata la mia seconda casa, il suo popolo mi ha accolta da subito con grande entusiasmo e stima. Dubai per me rappresenta il risultato di tanti sogni.”

L’Haute Couture sposa è importante per il suo atelier. Sono cambiate le tendenze e i gusti per l’abito da sposa, negli ultimi anni?
“Per quanto le mode cambino, la sposa rimane sempre legata alla tradizione anche se con dettagli moderni. In genere anche le più “fashioniste” scelgono il romanticismo di un bianco seta con l’utilizzo del pizzo e di elementi di luce.”

Quest’autunno ha lanciato una linea di gonne “skirtcollection” di stile retrò che ha attirato l’attenzione anche di Sarah Jessica Parker, l’attrice che interpretava “Carrie” nel telefilm «Sex and The City». Sembra che alcuni modelli l’abbiamo raggiunta a New York. Conferma?
“Sono felicissima che questa collezione stia riscuotendo consensi in tutto il mondo: Sarah è l’icona delle donne della mia generazione, vestire lei era il mio sogno ma la “skirtcollection” è stata apprezzata anche dalla grande Laura Pausini, da Heather Parisi, da Cristina Chiabotto, da Serena Autieri e Barbara d’Urso.”

Preferisce creare per l’Haute Couture o per il Prêt à Porter?
“L’Alta Moda è l’ambizione di tutti gli stilisti.”

Per Giada Curti qual è l’essenza della Moda?
“Essere sempre se stessi.”

di EJF