L’Occidente diviso

Donald Trump e Angela Merkel - 5c2822da99b6a8567f27755ae8a5e9fe-kQvD-U110029914614454wG-1024x576@LaStampa.it - 350X200

L’Occidente diviso

Indiscrezioni dicono che Trump si ritirerà dall’accordo sul clima Merkel: “Non ci si può fidare”

Quando il consigliere per la sicurezza nazionale McMaster aveva presentato ai giornalisti il viaggio del presidente Trump in Europa, aveva detto che lo scopo era dimostrare come «America First non significa America sola». A giudicare da quello che è successo ieri, la missione è fallita.
La storica alleanza transatlantica vacilla. Tra il sito Axios che rivela l’intenzione del capo della Casa Bianca di ritirarsi dall’accordo di Parigi sul clima, e la cancelliera tedesca Merkel che dichiara finiti i tempi in cui gli europei potevano fare affidamento sugli Usa, l’Occidente non è mai parso così spaccato.

America da una parte, Europa dall’altra. Come quando Francia e Germania si erano opposte all’invasione dell’Iraq nel 2003, ma forse peggio, perché quella frattura era legata alla «guerra di scelta» e non di necessità di Bush, ed era stata ricomposta dopo la caduta di Saddam, mentre quella di oggi è più profonda. Ha le radici nella divergenza culturale e politica; nell’incomprensione tra il populismo nazionalista portato da Trump alla Casa Bianca, e la moderazione che invece ha prevalso nelle elezioni in Austria, Olanda e Francia. Se in Germania la Merkel verrà confermata in autunno, questa divergenza potrebbe diventare il viatico per un rafforzamento delle istituzioni europee in concorrenza con gli Usa, se non in aperta sfida.

Il sito Axios di Mike Allen ha scritto che il presidente ha rivelato a diverse persone, incluso il ministro dell’Ambiente Scott Pruitt, l’intenzione di ritirarsi dall’accordo di Parigi. Lo avrebbe fatto prima di partire dall’Europa, e se questo fosse vero lo schiaffo agli alleati sarebbe ancora più grave, perché durante il G7 avrebbe solo finto di ascoltarli. Axios invita alla prudenza, perché Trump è noto per cambiare idea all’ultimo momento. La figlia Ivanka e il genero Jared pensano che abbandonare Parigi sarebbe un errore, di immagine e di sostanza, e stanno cercando di convincerlo a restare, chiedendo di rivedere i parametri americani per la riduzione delle emissioni, e magari di ottenere garanzie per i minatori del carbone che lo hanno votato in blocco. In campagna elettorale, però, Donald aveva detto di non credere al riscaldamento globale, considerato un imbroglio dei cinesi, e ritirarsi dall’intesa negoziata da Obama sarebbe la maniera più efficace di smantellare le politiche ambientali del predecessore. Inoltre il presidente pensa che Parigi danneggi l’economia americana, e il suo consigliere Cohn è stato chiaro: «Se il clima collide con la creazione del lavoro, sapete qual è la nostra priorità». Per Trump tenersi stretta la propria base, scettica verso ogni politica multilaterale, conta molto più dell’amicizia con gli europei, anche perché è la sua polizza di assicurazione contro gli scandali che lo minacciano, obbligando i compagni repubblicani a non mollarlo come fecero con Nixon.

L’altro strappo grave è stato quello sulla Nato, per il mancato appoggio esplicito dell’Articolo V del trattato, secondo cui un attacco contro un membro dell’Alleanza è un attacco contro tutti. McMaster ha detto che la condivisione di questo principio della difesa reciproca è scontato, ma in passato Trump lo aveva legato ai contributi economici, e a Bruxelles non ha fugato i dubbi.

Per tutte queste ragioni, la cancelliera Merkel ieri ha detto che «i tempi in cui potevamo fare pienamente affidamento sugli altri sono passati da un bel pezzo, questo l’ho capito negli ultimi giorni. Noi europei dobbiamo prendere il nostro destino nelle nostre mani». Parlava ad un comizio, giocando forse sulla scarsa popolarità di Trump in Germania, ma la crisi sembra più profonda di un gioco elettorale. Un tempo si diceva che la Nato era fatta per «tenere i russi fuori, gli americani dentro, e i tedeschi sotto». Ma se gli americani si allontanano, come lascia intendere la Casa Bianca, e i russi premono sui confini della Ue, i tedeschi potrebbero sentire la necessità di rialzare la testa. Insieme agli altri paesi dell’Unione, per fugare i fantasmi del passato, ma comunque affermando la necessità di tutelare in prima persona la propria difesa, perché «i tempi in cui potevamo fare pienamente affidamento sugli altri sono passati da un bel pezzo».

La Brexit, per certi versi, favorisce l’allontanamento anche sul piano economico e politico. Non è un mistero che Washington volesse Londra nella Ue per tenerla meglio sotto controllo, e quando era dentro la Gran Bretagna aveva un potere di veto. Ora questo limite è stato tolto, e la Germania può fare asse con la Francia, l’Italia, e chi altro vorrà o potrà starci, per accelerare la costruzione di istituzioni europee più solide. In questo processo rischia di scontrarsi con Paesi del Nord tipo Ungheria e Polonia, più vicini a Trump su certi temi, o del sud, meno affidabili sul piano economico. Ciò però rischia solo di approfondire le divisioni, invece di curarle, portando ad una demolizione dei pilastri che dopo gli orrori della Seconda Guerra Mondiale ci hanno garantito settanta anni di pace e prosperità.

dal sito www.lastampa.it