Paolo Limiti è morto a 77 anni: addio al mitico conduttore

Paolo Limiti - 1498548250478.JPG--paolo_limiti - www-liberoquotidiano-it - 350X200

Paolo Limiti è morto a 77 anni: addio al mitico conduttore

Si è spento a Milano Paolo Limiti, il mitico conduttore televisivo. Aveva 77 anni. Da un anno – scrive Il Corriere della Sera – lottava contro un tumore, che aveva scoperto, all’improvviso, lo scorsa estate ad Alassio. Conduttore, divulgatore e paroliere, con lui se ne va un pezzetto di Italia. Un pezzetto di “vecchia” televisione alla quale non piaceva troppo la nuova tv: celebri le sue critiche ai talent show e il suo rifiuto di un certo tipo di spettacolo, tanto che negli ultimi anni, Limiti, era quasi sparito dal piccolo schermo.

Il primo a dare la notizia della sua scomparsa, su Twitter, è stato Nicola Carraro, il marito di Mara Venier, con la quale Limiti condivise la conduzione di Domenica In nella stagione 2004-2005. Il conduttore – dopo gli esordi come autore musicale, televisivo e radiofonico – è diventato famoso grazie allo storico programma Ci vediamo in tv, trasmesso prima su Rai2 e dunque su Rai1. Celebre anche il suo “amarcord” in daytime, quando precedeva I migliori anni di Carlo Conti. Sorridente e garbato, era amatissimo e apprezzato fa fasce trasversali di pubblico.

La sua carriera televisiva è legata a doppio filo a Floradora, l’irriverente cagnolino che lo accompagnava sullo schermo. Molto chiacchierata anche la sua relazione con Justine Mattera, la sua compagna per qualche anno (furono sposati dal 2000 al 2002). Dal 2012, Limiti non compariva in televisione: il suo ultimo programma fu E state con noi in tv. In precedenza, Minissima nel 2010.

Nel corso della sua carriera, come accennato, fu paroliere anche di Mina. Tra gli altri artisti per cui ha scritto Ornella Vanoni, Peppino Di Capri, Loretta Goggi, Fred Bongusto, Al Bano e Romina e Iva Zanicchi”. Figlo di un procuratore della Pirelli e di madre siciliana, trascorse l’adolescenza a Torino, dove si è diplomato all’Istituto tecnico Amedeo Avogardro.

dal sito www.liberoquotidiano.it