FOIA e trasparenza: online già dal 2015 con la piattaforma digitale OpenDemanio

FOIA2 - www-agenziademanio-it - 350X200

FOIA e trasparenza: online già dal 2015 con la piattaforma digitale OpenDemanio

Ampiamente centrato l’obiettivo con la pubblicazione della banca dati sugli immobili dello Stato come previsto dal Freedom of Information Act

Scade oggi, ad un anno dalla sua entrata in vigore, il termine per mettersi in regola con le disposizioni introdotte dal Dlgs 97/2016 sulla trasparenza, che integra il Dlgs 33/2013, meglio conosciuto come FOIA, Freedom of Information Act, sull’accessibilità alle banche dati delle amministrazioni pubbliche e l’Agenzia del Demanio ha già ampiamente e con netto anticipo rispetto alla tabella di marcia centrato l’obiettivo relativo al sistema di gestione degli immobili statali, REMS-ADDRESS. Nel luglio 2015 è stata, infatti, avviata una grande operazione di trasparenza sul patrimonio immobiliare dello Stato con la pubblicazione dei dati sulle consistenze e il valore degli immobili già presenti sul sistema di gestione REMS-ADDRESS, pubblicando i dati attraverso OpenDemanio che ne è l’interfaccia e che consente la geolocalizzazione dei fabbricati. Successivamente, il portale è stato integrato con ulteriori rilasci tra cui la pubblicazione dei progetti di riqualificazione, dei cantieri aperti e degli interventi edilizi in programma, delle operazioni di razionalizzazione e federal building in diverse città italiane e, per ultimo, delle iniziative di rigenerazione e riuso che coinvolgono anche gli Enti territoriali.

“OpenDemanio, anticipando le previsioni di legge – dichiara il Direttore Roberto Reggi – è la risposta dell’Agenzia del Demanio all’esigenza di creare un rapporto di dialogo e di fiducia con i cittadini e gli operatori del settore e contribuire a diffondere la cultura della trasparenza nelle Amministrazioni pubbliche. Il nostro ruolo di gestori del patrimonio immobiliare dello Stato ci impone una consapevole responsabilità nei confronti di tutti gli interlocutori pubblici e privati ed è solo dalla costruzione di un rapporto di piena collaborazione che possono nascere iniziative in grado di contribuire allo sviluppo dei territori nei quali i beni sono inseriti”. (vig)

dal sito www.agenziademanio.it