UN CENTROSINISTRA DI NUOVO CONIO

Elaborazione Immagine di Carla Morselli
            Elaborazione Immagine di Carla Morselli

Il gran caldo colpisce anche con il fuoco degli incendi, forse in via di diminuzione. Ma continua con testardaggine la polemica di Renzi con il professor Monti, benché più preparato e competente di lui. Anche, però, con Padoan e Gentiloni impegnati in una difficile trattativa con Bruxelles. La stessa questione del flusso ininterrotto degli immigranti complica e amplifica le difficoltà già enormi di prefetti e sindaci, raggiunti da direttive e criteri forse buoni in astratto, che faticano però ad essere applicati in concreto. Specie se sindaci e assessori denunciano violenze istituzionali e inadeguata informazione preventiva. Paure e proteste legate al “rifiuto dello straniero” si diffondono, insomma, con grande facilità ricordando il clima descritto da Manzoni per la peste a Milano.
In tanti ormai denunciano la chiusura egoistica di Macron e degli altri stati europei, ma invidiano al tempo stesso “le chiusure non solidali” dell’Europa ripetendo “perché pure noi non facciamo come loro? ”. In questa pericolosa poltiglia di paure comprensibili e di strumentalizzazioni in chiave di propaganda elettorale, il governo annaspa, soprattutto non aiutato dalle sparate quotidiane del segretario Pd, che giunge a polemizzare con il professor Monti e con lo stesso ministro Padoan in una materia cruciale per i rapporti non facili dell’Italia con la Ue.
Ci pare sempre più evidente che il rischio della crisi italiana risieda nel partito dell’ex presidente del Consiglio, roso dall’ansia di voler tornare a palazzo Chigi. Senza indicare però come e con chi. Si imporrebbe pertanto a questo punto una iniziativa chiara e forte che sviluppi le aspettative e le speranze suscitate dal duo Pisapia-Bersani. Impegnandosi fortemente a superare vecchie contrapposizioni e rotture, personalismi, nostalgie e spirito di rivincita. Tutti elementi che hanno sempre prodotto debolezza, diaspora e irrilevanza. Sarebbe perciò indispensabile compiere ogni sforzo per favorire un ripensamento da parte dell’ex sindaco Pisapia ricordando che non è possibile immaginare un vero leader nazionale che non sieda in Parlamento. Suggerirei altrimenti di indicare Massimo Cacciari come possibile leader di un possibile centrosinistra autorevole, federatore e portatore di un respiro culturale e innovativo per tutta la politica italiana. Filosofo originale e stimato, politico autonomo e “seminatore solitario”, già sindaco apprezzato di Venezia, potrebbe autorevolmente incarnare una leadership di governo, europeista e portatrice di grandi valori vecchi e nuovi, aperti alla contemporaneità, consapevole di un grande patrimonio alle spalle, riscoperto dopo le tragedie delle due guerre mondiali. Patrimonio da rinnovare e collegare finalmente ai popoli degli stati europei in una prospettiva federale.
Purtroppo non c’è solo la crisi dell’Europa segnata dall’assenza di una politica migratoria comune. Il terrorismo continua a mordere e incutere paura; la crisi Israelo-Palestinese resta aperta e preoccupante; Trump non è per nulla rassicurante e oltre al Russiagate, cambia le carte in tavola con disinvoltura assoluta, interamente assorbito dagli interessi personali e della sua immagine elettorale.
L’Italia senza improvvisazioni velleitarie e donchisciottesche, può svolgere un ruolo importante. Un centrosinistra di nuovo conio dovrebbe farsi carico di queste responsabilità e contribuire a che il nostro popolo comprenda l’urgenza di favorire un progetto così ambizioso e necessario per il futuro comune.

di Nuccio Fava