ACQUA: PERNARELLA (M5S LAZIO): Regione non ha fatto il necessario, mettere in campo strumenti per scongiurare ripetersi fenomeni

Regione-Lazio-Interna-Nuova - www-ilfattoquotidiano-it

ACQUA: PERNARELLA (M5S LAZIO): Regione non ha fatto il necessario, mettere in campo strumenti per scongiurare ripetersi fenomeni

Gaia Pernarella, capogruppo del M5S Lazio, dichiara:

“Oggi dovrebbe iniziare il ‘razionamento’ deciso dall’ordinanza di Zingaretti per fare fronte alla cosiddetta ‘emergenza idrica’ del Lazio, ma non credo si possa definire emergenziale una situazione sulla quale da anni allertiamo gli uffici regionali con i nostri atti. I cittadini pagano bollette idriche salate e da mesi non usufruiscono del servizio e subiscono tagli e riduzioni di portata. Sull’acqua la regione non ha fatto nulla oltre chiedere lo stato di calamità per delegare la risoluzione del problema al ministro, non ha ridefinito gli ambiti di bacino idrografico come auspicato dalla legge regionale sull’acqua pubblica che è servita al PD solo per uscire sui giornali come paladini dei beni comuni, non ha attuato il piano di monitoraggio dell’acqua per il consumo umano che serve proprio a scongiurare situazioni come quella che stiamo vivendo da Viterbo a Gaeta. Il celeberrimo fondo per la ripubblicizzazione dell’acqua non è uscito dalla dimensione di slogan elettorale visto che la regione lo ha finanziato con solo 100.000 euro e, nel frattempo, ‘regaliamo’ acqua ad altre regioni in virtù di convenzioni delle quali gli uffici regionali non hanno traccia. Mi auguro che il ‘razionamento’ non sia avviato e che invece tutte le istituzioni coinvolte possano elaborare una strategia per mettere a disposizione del territorio tutti quegli strumenti, previsti in certi casi anche dalla legge, per scongiurare il ripetersi di fenomeni come quelli che stanno caratterizzando questa estate.

Immagine dal sito www.ilfattoquotidiano.it

da Gruppo Consiliare M5S Regione Lazio