«NO AI RIPIEGAMENTI NOSTALGICI, GUARDIAMO IN AVANTI FIDUCIOSI» IL MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO AL XXXVIII MEETING DI RIMINI

Logo Meeting Rimini 2017 - www-meetngrimini-org - 350X200 - Cattura - 350X200

 

 

«NO AI RIPIEGAMENTI NOSTALGICI, GUARDIAMO IN AVANTI FIDUCIOSI»
IL MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO AL XXXVIII MEETING DI RIMINI

 

Dopo il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ecco l’annunciato messaggio di papa Francesco. Quattro pagine a firma del segretario di stato vaticano cardinale Pietro Parolin (che sarà al Meeting nella giornata conclusiva di sabato 26 agosto) che si configurano come una lettura del titolo scelto per l’edizione di quest’anno, la frase di Goethe “Quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo”. Il messaggio è stato letto dalla presidente della Fondazione Meeting Emilia Guarnieri prima della santa Messa delle 10.45 celebrata dal vescovo di Rimini Francesco Lambiasi nell’Auditorium della Fiera di Rimini e trasmessa in diretta su RaiUno.

Il testo sottolinea che la frase di Goethe «è un invito a riappropriarci delle nostre origini dal di dentro di una storia personale. Per troppo tempo si è pensato che l’eredità dei nostri padri sarebbe rimasta con noi come un tesoro che bastava custodire per mantenerne accesa la fiamma. Non è stato così: quel fuoco che ardeva nel petto di coloro che ci hanno preceduto si è via via affievolito».

La nostra società, scrive papa Francesco, caratterizzata da «poca memoria», ha il limite «di liquidare come un fardello inutile e pesante ciò che ci ha preceduto». Ma non si può «edificare il futuro senza prendere posizione riguardo alla storia che ha generato il nostro presente». Nessuna nostalgia del passato, quindi. «Come cristiani non coltiviamo alcun ripiegamento nostalgico su un passato che non c’è più. Guardiamo piuttosto in avanti fiduciosi». Non si gioca in difesa: «Non abbiamo spazi da difendere perché l’amore di Cristo non conosce frontiere invalicabili. Viviamo in un tempo favorevole per una Chiesa in uscita, ma una Chiesa ricca di memoria, tutta sospinta dal vento dello Spirito ad andare all’incontro con l’uomo che cerca una ragione per vivere».

Sono moltissimi i punti toccati dal Papa, in un messaggio caratterizzato da un tono generale di speranza e fiducia. È vero, «c’è una malattia che può colpire i battezzati e che il Santo Padre chiama “alzheimer spirituale” (…) se diventiamo “smemorati” del nostro incontro con il Signore, non siamo più sicuri di niente; allora ci assale la paura che blocca ogni nostro movimento». Come quindi evitare questo “alzheimer spirituale”? «C’è una sola strada», è la risposta di Francesco: «attualizzare gli inizi, il “primo Amore”, che non è un discorso o un pensiero astratto, ma una Persona. La memoria grata di questo inizio assicura lo slancio necessario per affrontare le sfide sempre nuove che esigono risposte altrettanto nuove, rimanendo sempre aperti alle sorprese dello Spirito che soffia dove vuole».

Un “nuovo inizio che a noi arriva «attraverso la vita della Chiesa, attraverso una moltitudine di testimoni che da duemila anni rinnovano l’annuncio dell’avvenimento del Dio-con-noi». Per questo bisogna «tornare lì, a quel punto incandescente in cui la Grazia di Dio mi ha toccato all’inizio del cammino. […], quando Gesù è passato sulla mia strada, mi ha guardato con misericordia, mi ha chiesto di seguirlo; […] recuperare la memoria di quel momento in cui i suoi occhi si sono incrociati con i miei».

Insomma anche oggi ognuno di noi può rivivere l’esperienza capitata a Zaccheo, così descritta da sant’Agostino: «Fu guardato e allora vide». «Ecco ciò che abbiamo ereditato» annota Francesco, «il tesoro prezioso che dobbiamo riscoprire ogni giorno, se vogliamo che sia nostro». E riprende una metafora molto cara a don Giussani, quella dello zaino, che all’inizio si porta sulle spalle e ci viene riempito dai genitori e dagli educatori, ma a un certo punto occorre «prendere e metterselo davanti agli occhi», per scoprire cosa c’è dentro, in modo che «diventi problema quello che gli altri ci hanno detto, paragonando quel che vede dentro, con i desideri del proprio cuore».

«Dopo il messaggio del presidente Mattarella, le parole del Papa ci fanno fare un passo ulteriore. Ci aiutano non solo a comprendere il titolo del Meeting di quest’anno, ma a capire noi stessi, il tempo storico che viviamo, il compito che ci è stato affidato», commenta la presidente della Fondazione Meeting Emilia Guarnieri. «Questo guardare in avanti per noi significa riscoprire il dna del Meeting, un’apertura che porta a incontrare tutti, cercando sempre il dialogo, la valorizzazione di ciò che è buono, lo spunto positivo: quelle che il papa definisce “le tracce della presenza di Dio lungo la storia del mondo”».

Intanto oggi alle 15.00 l’evento inaugurale del Meeting sarà l’incontro con il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sul tema “L’eredità e il futuro dell’Italia”. Il presidente interverrà in Auditorium Intesa Sanpaolo B3 dopo le introduzioni di Emilia Guarnieri, presidente della Fondazione Meeting per l’amicizia fra i popoli e Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la Sussidiarietà. In apertura Nassir Abdulaziz Al-Nasser, alto rappresentante dell’Onu per l’Alleanza delle Civiltà, darà lettura del messaggio di saluto del segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres.

da Eugenio Andreatta
Ufficio Stampa e Comunicazione Meeting Rimini