Blue Origin colonizzerà la Luna. Parola di Jeff Bezos

Ccontent_Ssmall_Ttesto - www-dday-it - 350X200

Blue Origin colonizzerà la Luna. Parola di Jeff Bezos

Allontanare dalla Terra le attività industriali più pesanti per non distruggere il pianeta. Questa l’idea del magnate di Amazon per il futuro sostenibile della nostra civiltà

Blue Origin, compagnia aerospaziale fondata da Jeff Bezos, si dice pronta a lavorare al fianco della NASA e di altre agenzie spaziali per la realizzazione di una colonia stabile sulla Luna. Il visionario (e milionario) imprenditore, nonché numero uno di Amazon, ha raccontato la propria idea di insediamento lunare in occasione dell’ultima edizione dell’International Space Development Conference conclusasi ieri a Los Angeles.

Blue Origin, al momento impegnata nella sperimentazione di capsule riutilizzabili per il volo turistico sub-orbitale, ha in cantiere un lanciatore pesante, il New Glenn, che dal 2020 si offrirà come vettore spaziale dai costi accessibili.

Tra le sfide per un futuro sostenibile dell’umanità Bezos ipotizza lo spostamento delle attività industriali pesanti su altri pianeti, sfruttando l’energia del Sole 24 ore su 24 e lasciando che la Terra rimanga un luogo residenziale o al massimo interessato da attività industriali leggere e a basso impatto sull’ambiente.
Prima di poter compiere un passo così grande e mentre Elon Musk si concentra su Marte, Bezos vede nella costruzione di una base lunare abitabile ad opera di robot un primo e importante traguardo di medio termine. La Luna si trova infatti a soli due giorni di viaggio da noi e ai poli dispone di depositi di acqua ghiacciata che si possono sfruttare sia per insediamenti umani che per la produzione di combustibile.

Secondo quando dichiarato dal fondatore, Blue Origin starebbe progettando un lander con una capacità di carico di 5 tonnellate, utilizzabile sia per merci che per passeggeri che potrebbe, con la partecipazione di NASA, essere pronto a spiccare il primo volo dal 2025.

“Lo faremmo comunque anche senza NASA, ma si farebbe più in fretta con una partnership” sono state le parole di Bezos che spera con la propria visione di stimolare altri investitori – pubblici o privati – pronti a imbarcarsi in un secondo e più duraturo sbarco sulla Luna.

dal sito www.dday.it