Sondaggi. Slovenia, partito anti-migranti in testa per le elezioni del 3 giugno

Former Slovenian Prime Minister Janez Jansa holds a press conference at the National Assembly in Ljubljana, on March 15, 2018, the day after current Slovenian Prime Minister Miro Cerar tendered his resignation. Slovenian Prime Minister Miro Cerar tendered his resignation on March 14, 2018 after a court annulled the result of a referendum in the latest blow to his crisis-hit government, months ahead of planned elections. Cerar's SMC is lagging in the polls behind the centre-right SDS party of former prime minister Janez Jansa and the Social Democrats currently in his coalition. / AFP PHOTO / Jure Makovec

Sondaggi. Slovenia, partito anti-migranti in testa per le elezioni del 3 giugno

Il partito conservatore e anti-migranti sloveno SDS è in testa nell’ultimo sondaggio in vista del voto anticipato del prossimo 3 giugno. L’SDS, guidato dall’ex premier Janez Jansa e sostenuto dal leader nazionalista ungherese Victor Orban ha il 24,5% dei consensi, secondo il sondaggio pubblicato dal quotidiano Dnevnik, un dato che ne farebbe il primo partito in parlamento ma complicherebbe al ricerca di una maggioranza.

“Diffondere paura dei migranti e coinvolgere il premier di un Paese vicino nelle nostre elezioni significa aver oltrepassato ogni limite e io e i nostri membri non ci riconosciamo in un’alleanza dal genere” ha detto Sarec all’Afp. Orban nella scorse settimane ha partecipato a una convention dell’Sds e ha ribadito la sua nota opposizione alle politiche migratorie della Ue, affermando che i migrati continueranno ad arrivare in Europa finchè verranno invitati. “Una vittoria dell’SDS e di Jansa garantirebbe la sopravvivenza del popolo sloveno” ha aggiunto.

dal sito stranieriinitalia.it