Barcellona, dopo 133 anni la Sagrada Familia non sarà più abusiva

Barcellona - 4315.0.1082091224-00-k9H-U305087848551PSB-656x492@Corriere-Web-Sezioni - www-corriere-it - 350X200

Barcellona, dopo 133 anni la Sagrada Familia non sarà più abusiva

Accordo storico tra Comune e l’ente responsabile per costruzione. Si prevede la fine dei lavori tra otto anni

Dopo 133 anni dall’inizio della sua costruzione la Sagrada Familia non sarà più abusiva. È il risultato dell’accordo «storico» fra il comune di Barcellona e l’ente responsabile della costruzione dell’opera di Gaudi, in base al quale la basilica pagherà nei prossimi 10 anni 36 milioni di euro. I fondi contribuiranno alle spese per i trasporti, l’arredo urbano e la sistemazione dell’area circostante il monumento, visitato ogni anno da 4,5 milioni di turisti – fino a 20 milioni nelle zone adiacenti – per entrate stimate in 50 milioni di euro l’anno. In cambio, secondo fonti municipali citate dai media, le due amministrazioni hanno concordato varianti al piano regolatore e il piano speciale urbanistico necessario a regolarizzare le opere, in modo che i responsabili dell’ente possano ottenere le licenze edilizie, che cominceranno a pagare dal 2019, e i permessi per il completamento della costruzione, previsto nel 2026.

Bilancio di 80 milioni l’anno
Dopo un anno e mezzo di intensi negoziati, l’intesa condona in un certo senso i lavori avviati quasi un secolo e mezzo fa. La regolarizzazione renderà possibile l’avvio del piano urbanistico speciale della basilica, un requisito indispensabile per ottenere la licenza edilizia, reclamata dal 2016 dall’assessorato all’Urbanistica del Comune all’arcivescovato di Barcellona. Fino ad oggi, la Chiesa aveva giustificato le opere con un permesso del comune di Sant Marti de Provencals ottenuto dall’architetto Antoni Gaudì nel 1885, e aveva motivato con l’ininterrotto silenzio amministrativo quella che la sindaca Ada Colau, della lista affine a Podemos Barcelona En Comu, aveva definito «un’anomalia storica». Il bilancio annuale della basilica, fra visite e donazioni, è di 80 milioni di euro, dei quali 50 vengono destinati alle opere. Il contributo di 36 milioni di euro in un decennio, per compensare la spesa che la costruzione del monumento genera alla città, da un punto di vista formale non coprirà i costi della licenza edilizia, che saranno definiti nel primo trimestre del 2019. Servirà per «pagare le spese municipali generate dall’attività della Sagrada Familia», indicano fonti comunali.

Fine lavori: 2026
Del totale, 22 milioni saranno destinati al trasporto pubblico, 7 alla realizzazione di accessi diretti delle fermate delle linee 2 e 5 della metro alla basilica, 4 per l’arredo urbano delle aree circostanti il tempio e per la manutenzione dello spazio pubblico. Dall’intesa è rimasta esclusa la questione più spinosa, che riguarda il completamento della facciata della Gloria della basilica, con la scalinata di accesso prevista dal progetto originario di Gaudi nell’attuale calle Maiorca, che per essere realizzata comporterebbe l’espropriazione di un intero isolato di 150 abitazioni residenziali. Per questo motivo, il responsabile comunale dell’Urbanismo, Janet Sanz, ha assicurato che la questione sarà affrontata «in una seconda fase». «Chi avrebbe detto che dopo 130 anni l’accordo l’avremmo fatto noi», ha commentato la sindaca Colau. L’intesa per il riordino dell’area della Sagrada Familia dovrà essere approvata dal Consiglio comunale al più tardi all’inizio del 2019. Ma non si prevedono intoppi sulla road map, che prevede l’ultimazione dell’opera maestra di Gaudì- iniziata dal massimo esponente dell’architettura modernista catalana nel 1882- nel giro di otto anni.

dal sito www.corriere.it