Gli occhi della Lega su Roma. Giulia Bongiorno: “Servono più regole e legalità, basta degrado”

L'avvocato Giulia Buongiorno e il segretario della Lega, Matteo Salvini, durante una conferenza presso la sala stampa della Camera, per presentare l'adesione della Buongiorno al partito della Lega. Roma, 18 gennaio 2018. ANSA/CLAUDIO PERI

Gli occhi della Lega su Roma. Giulia Bongiorno: “Servono più regole e legalità, basta degrado”

In una intervista a La Stampa la ministra della Pa: “Non condanno nessuno, ma la sindaca è oggettivamente responsabile”

Giulia Bongiorno, ministro leghista della Pubblica amministrazione, vede un’amministrazione targata Lega nel futuro di Roma. “Io – spiega Bongiorno intervistata da ‘La Stampa’ – sono palermitana, se in passato mi avessero proposto una partecipazione alla Lega Nord avrei risposto di no”.

“A queste elezioni mi sono candidata invece con la nuova Lega: condivido pienamente la necessità di regole, rigore e legalità. Questo tipo di Lega può piacere al Sud come al centro Italia, a persone che non vogliono più sentir parlare solo di diritti, ma anche di doveri”. Perchè, ragiona il ministro, “ormai lo schema non è più destra o sinistra, ma chi crede nella necessità delle regole e della legalità, e chi no”.

Bongiorno parla delle visite di Salvini nel quartiere San Lorenzo dopo l’omicidio di Desiree Mariottini, e osserva: “In un video ho sentito qualcuno dire “vieni e liberaci”, come se volessero liberarsi da un oppressore. Hanno riconosciuto una istituzione che ha dimostrato di credere nella legalità”.

Il giudizio sull’attuale amministrazione è diplomatico, ma netto: “Do alla sindaca Raggi due attenuanti. La prima è che si deve occupare di una realtà estremamente vasta; la seconda che eredita una situazione complicata. Ma so per esperienza da penalista che l’illecito prolifera dove non c’è la presenza dello Stato. Prendo a prestito le parole di Matteo Salvini: dalla Raggi mi aspettavo di più”.

dal sito www.huffingtonpost.it