“COSÌ FAN TUTTE” , OPERA BUFFA DI MOZART

Così Fan tutte, Opera di W. Amadeus Mozart
      Così Fan tutte, Opera di W. Amadeus Mozart

La sceneggiata da parte dell’Unione europea, lo spread che incalza , gli incidenti per deficit di competenza in Parlamento, l’analfabetismo emotivo o alessitimia (Incapacità di riconoscere le proprie emozioni e di comunicarle verbalmente) con cui si confrontano Di Maio e Salvini nonché il clima di continue improvvisazioni caratterizzano questo governo di buontemponi.
Dato positivo: non ci fanno annoiare; negativo: inconcludenti .
Le “vie” del Governo sono sempre simili a quelle piene di buche di Roma della triste era di Virginia Raggi.
Anche se si parla con sempre maggiore insistenza della possibilità di elezioni anticipate, prima o dopo le elezioni europee se non, addirittura, in contemporanea con il voto per il Parlamento di Strasburgo, lo status dell’esecutivo è precario ma senza alternative, per ora. Si è sempre detto che il vero e principale ostacolo allo scioglimento anticipato delle Camere è rappresentato dalla ostilità dichiarata del Presidente della Repubblica all’eventualità di chiudere la legislatura dopo appena un anno dal suo inizio (retaggi dell’epoca napolitaniana).
Ma questo intralcio, non è il solo.
Accanto all’opinione contraria e dichiarata di Sergio Mattarella c’è l’interesse della maggioranza dei parlamentari eletti di tutti i partiti di rimanere incollati ai loro seggi di Palazzo Madama e di Montecitorio per i prossimi quattro anni. E nessuno pensa al Paese …
Vero è che a queste “operette buffe “alle quali abbiamo assistito sempre, oggi gli attori sono altri ma “così fan tutte“…
L’Italia sta vivendo un momento politico complicato .
Una massima di Marcello Marchesi descrive meravigliosamente la situazione italiana :
“Il disordine dà qualche speranza, l’ordine nessuna.”
Per meglio comprendere come questa sia una fase della storia che si ripete, invito a leggere in commenti la recensione meditata del collega Setta del nuovo libro di Antonio Scurati, “M. Il figlio del secolo” è un’autobiografia immaginaria di Benito Mussolini, che meglio racconta  l’Italia di oggi. Dunque così fan e facevan tutti!
Il nostro governo decide programmi che sono ritenuti velleitari dalla maggior parte degli italiani e per un altro verso di inconsapevolezza assoluta .
All’Europa in quanto unione ci si crede poco purtroppo. A questo ha contribuito Il terrorismo buonista dei cervelloni in economia, finanza e in strategia politica (finora hanno sempre fallito) per fortuna non scoraggia più nessuno . Si avverte una consapevolezza sociale ,siamo in pieno declino.
(Gentili Lettori, permettetemi una divagazione : da quando il Pd è nel baratro e i Cinque Stelle in stato di felice confusione, i portatori solenni e scodinzolanti di zainetto sono diminuiti, ah le mode….).
Poi ora che hanno perso alcuni riferimenti legati al Pd, che conta sempre meno, sono più aggressivi di prima nascondendo la manina nello zainetto tirando il macigno verso gli scettici.
La Commissione Europea segue per ostentato interesse passo passo l’andamento economico italiano ma alla fine l’accordo sui decimali sarà sottoscritto ,accettando la decurtazione della nostra manovra  finanziaria. Una sorta di visita medico legale per accertare l’invalidità … alla fine la soluzione all’italiana sulla percentuale si trova sempre fra precisazioni e ricorsi.
Anche se Il Governo Giallo-Verde trattiene costantemente il fiato, con Salvini che attacca i burocrati di Bruxelles, mentre Di Maio placa coloro che aspettano il reddito di cittadinanza, l’accordo sotterraneo tra il Sottosegretario Giorgetti e l’uscente Bce Draghi porterà all’accordo . “Così fan tutte”.
In sintesi un “gioco della campana “ , tutti saltellanti e con le posizioni aperte e mai raggiunte e stabili.

di Francesco Petrucci