Rifiuti Roma, “Basta discariche in Valle Galeria”. Raggi contestata durante l’assemblea su Ponte Malnome

Basta Discariche - 120157251-1661805c-60ad-401d-a296-a560952ca999901111 - www-roma-repubblica-it - 350X200

Rifiuti Roma, “Basta discariche in Valle Galeria”. Raggi contestata durante l’assemblea su Ponte Malnome

La sindaca arriva con due ore di ritardo all’incontro voluto dal presidente Torelli (5S) per tranquillizzare i residenti sull’arrivo di 300 tonnellate di immondizia al giorno nel sito Ama. Ma al suo arrivo fischi e urla

Urla fischi interruzioni. Raggi contestata. E poi rissa sfiorata tra gruppi di residenti di diverso schieramento politico. Non ha avuto successo l’assemblea di giovedì sera in XI municipio a Corviale. Il presidente 5Stelle Mario Torelli l’aveva convocata invitando la sindaca Virginia Raggi con l’obiettivo di tranquillizzare i residenti che a giorni vedranno arrivare nel sito Ama di Ponte Malnome 300 tonnellate al giorno di rifiuti indifferenziati per 180 giorni.

Ma il tentativo di chiarimento in un’assemblea affollatissima che ha riempito l’aula del consiglio è andato male dall’inizio. L’incontro era fissato per le 21, la sindaca è arrivata alle 23.05. Al suo posto contestatori avevano posto cartelli con la scritta: “Sindaca, dove sei?”. Ai consiglieri è stato vietato di intervenire.

Ha parlato per prima intorno alle 22 l’assessora all’Ambiente Pinuccia Montanari. Ma l’uditorio, evidentemente esasperato dalla paura che Ponte Malnome possa trasformarsi in una nuova discarica a due passi da quella chiusa appena 5 anni fa di Malagrotta, non è stato affatto disposto ad ascoltare quieto la lezione sul nuovo porta a porta introdotto nei municipi VI e X.

E sono partiti i fischi e le urla. Neanche il presidente di Ama Lorenzo Bagnacani ha avuto buon gioco nell’assicurare che l’area di trasferenza sarebbe stata utilizzata per sei mesi al massimo. Gran finale della sindaca, che ha annunciato un piano per riportare la Valle Galeria ad area agricola come era un tempo.

Intanto la procura di Roma ha aperto un fascicolo contro ignoti sull’emergenza rifiuti e la mancata raccolta in città

dal sito roma.repubblica.it