Sotheby’s: Dalla Terra al Fuoco Ceramiche Italiane Dalla Collezione Hockemeyer & Arte Contemporanea

Iimage001 - Sotheby's - Ceramiche Arte Contemporanea - 11 Aprile 2019 - 350X200

Sotheby’s: Dalla Terra al Fuoco Ceramiche Italiane Dalla Collezione Hockemeyer & Arte Contemporanea

Auction at Sotheby’s Milan, 11th April 2019 at 6.00 pm

· Sotheby’s Milano è lieta di presentare una collezione privata, dedicata alle ceramiche italiane, molto richieste dai collezionisti di tutto il mondo.

· La raccolta “Ceramiche dalla Collezione Hockemeyer” proviene dai collezionisti e mecenati tedeschi Bernd e Eva Hockemeyer che consideravano le ceramiche manifestazioni del grande fervore artistico italiano che iniziò negli anni Trenta e culminò nel periodo post bellico commentano i collezionisti.

· La raccolta che presentiamo in asta è stata in mostra a Londra alla Estorick Collection of Italian Art dal 30 settembre al 20 dicembre 2009.

· La collezione comprende opere di Lucio Fontana, che vanno dalla metà degli anni ’30 agli anni ’60 e sono molto simili alle ceramiche esposte a New York alla mostra “Lucio Fontana: On The Threshold” che è stata recentemente inaugurata al MET. Le stime variano dai € 50.000 ai € 250.000.

· Leoncillo è incluso nel catalogo con San Sebastiano bianco, creato nel 1962 e stimato in € 250.000 – 350.000.

· La vendita propone anche opere di Fausto Melotti, Emilio Scanavino, Gianni Dova, Roberto Crippa, Pietro Melandri, Guido Gambone, Salvatore Meli, Carlo Zauli e Giuseppe Civitelli.

· Il primo appuntamento annuale con l’Arte Contemporanea di Sotheby’s a Milano coincide con le giornate internazionali di MIART e del Salone del Mobile.

· Una selezione curata di opere moderne di alta qualità sarà proposta nell’asta primaverile. La prima è la bella Natura Morta di Giorgio Morandi del 1939, esposta nel 1949 al MoMA di New York, nella storica mostra Twentieth Century Italian Art, a cura di Alfred Barr e James Soby (est. € 700.000 – 1.000.000) .

· Di Giorgio De Chirico è inclusa in catalogo un’opera parigina – già nella collezione di Léonce Rosenberg – Intérieur Métaphysique, olio su tela del 1925 che presenta le caratteristiche della pittura metafisica attraverso nuove soluzioni figurative (est. € 380.000 – 450.000).

· Alla magnifica retrospettiva del Metropolitan Museum di New York, “Lucio Fontana: On the Threshold”, ben si accosta un esemplare unico: Venerdì Santo a Madrid opera realizzata nel 1960 – in collaborazione – da Lucio Fontana e Roberto Crippa. Partendo da un probabile viaggio insieme a Madrid e colpiti dalla drammaticità dell’arte spagnola, Fontana e Crippa danno vita ad una sorta di contemporanea e atea pala d’altare, dove Crippa esprime la sofferenza con i suoi sugheri e Fontana eleva lo sguardo lavorando con l’oro e il rosso, il primo, colore simbolo dell’astrazione, il secondo, quello della Passione (est. € 600.000 – 800.000).

· Provengono dalla stessa collezione italiana i due magnifici Burri che insieme esemplificano in pieno la grande maestria dell’artista nel dare la massima espressività all’elemento combusto in tutte le sue forme: Combustione del 1971 (est. € 200.000 – 300.000) e Bianco Plastica del 1965 (est. € 600.000 – 800.000).

· La copertina del catalogo è dedicata a un capolavoro della serie dei Monocromi di Mario Schifano. Intitolato “7 Agosto 1961”, smalto, olio e carboncino su carta applicata su tela, 160×130 cm, è un quadro storico, esposto nelle mostre fondamentali, tra le quali quella del Palazzo della Pilotta a Parma nel 1974 e più recentemente a Tokyo, Spoleto, Milano Fondazione Marconi, Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, Accademia di Brera e infine Londra nel 2018 (stima di € 550.000-700.000).

· L’asta d’Arte Contemporanea di Milano si propone come obbiettivo anche quello di illustrare la qualità del collezionismo italiano di opere internazionali, come la bella carta di Jean-Michel Basquiat, Untitled, proveniente da una collezione torinese, esposta alla prima mostra SAMO del 1981 (est. € 300.000 – 400.000) e una grande tela del 1962 di Hans Hartung proveniente da una collezione privata di Bologna (est. € 200.000 – 300.000). La vendita include anche un Max Bill (Transcoloration aus blau zu gelb, 1972-73, est. € 50.000 – 70.000) di cui la sede milanese detiene il world record e Study to Remote di Joseph Albers (60×60 cm) del 1961 (est . € 300.000 – 400.000), un artista con cui Sotheby’s Milano ha una storica frequentazione e ha registrato i primi record.

da Wanda Rotelli Tarpino – Ufficio Stampa Sotheby’s