L’automazione potrebbe spazzare via quasi la metà di tutti i lavori in 20 anni

Bloomberg- www-bloomberg-com - 350X200

L’automazione potrebbe spazzare via quasi la metà di tutti i lavori in 20 anni

via la metà di tutti i lavori, avvisa l’OCSE.

Automazione, robot e globalizzazione stanno cambiando rapidamente il posto di lavoro e i governi devono agire in modo rapido e deciso per contrastare gli effetti o affrontare un peggioramento delle tensioni sociali ed economiche, ha avvertito l’OCSE.

Quasi la metà di tutti i posti di lavoro potrebbe essere spazzata via o radicalmente modificata nei prossimi due decenni a causa dell’automazione, ha detto il gruppo di Parigi in un rapporto di martedì. Secondo il direttore del lavoro dell’OCSE, Stefano Scarpetta, il ritmo del cambiamento sarà “sorprendente”.

Reti di sicurezza e sistemi di formazione costruiti nel corso di decenni per proteggere i lavoratori stanno lottando per stare al passo con i “megatrend” che cambiano la natura del lavoro , ha affermato l’OCSE. Mentre alcuni lavoratori trarranno beneficio dal momento che la tecnologia apre nuovi mercati e aumenta la produttività, i lavoratori giovani, scarsamente qualificati, part-time e gig-economy sono vulnerabili.

Giorno del giudizio
L’automazione potrebbe essere la questione più importante per i mercati del lavoro nel prossimo futuro

“Profondi e rapidi cambiamenti strutturali sono all’orizzonte, portando con sé nuove importanti opportunità ma anche maggiore incertezza tra coloro che non sono ben equipaggiati per coglierli”, ha detto Scarpetta.

Per saperne di più: Il messaggio per il capitalismo è abbastanza semplice: Adapt or Die

Il rapporto sull’occupazione è l’ ultimo avvertimento dell’OCSE sui rischi per i governi delle economie avanzate, che si sono già manifestati in un’ondata di sostegno per i leader politici populisti. L’organizzazione ha evidenziato una compressione delle classi medie , perdite di posti di lavoro future dalla tecnologia e una diffusa insoddisfazione nei paesi ricchi.

I cambiamenti nell’occupazione colpiscono alcuni lavoratori più di altri – in particolare i giovani con un basso livello di istruzione e le donne che hanno maggiori probabilità di essere sottoccupati e di lavorare in posti di lavoro a bassa retribuzione, ha detto l’OCSE.

Punti salienti del futuro del lavoro:

  • Il 14% dei posti di lavoro potrebbe scomparire dall’automazione nei prossimi 15 o 20 anni
  • Il 32 percento probabilmente cambierà radicalmente dall’automazione
  • Un lavoratore su sette è autonomo, uno su nove con contratti temporanei
  • Sei lavoratori su dieci non hanno competenze IT di base
  • L’adesione all’Unione è diminuita di quasi la metà negli ultimi tre decenni

dal sito www.bloomberg.com