I legislatori australiani votano per depenalizzare l’aborto a Sydney

I legislatori australiani votano per depenalizzare l’aborto a Sydney

Il parlamento australiano del Nuovo Galles del Sud ha depenalizzato l’aborto giovedì, ribaltando una legge di 119 anni che criminalizzava la procedura medica.

Il disegno di legge è stato approvato 26-14 a favore del rovesciamento della controversa legge nel Nuovo Galles del Sud, che include Sydney, per rendere disponibili aborti a persone in stato di gravidanza fino a 22 settimane e successivamente in situazioni di emergenza per salvare la vita della madre o del feto.

Oltre 122 emendamenti sono stati considerati in oltre 30 ore di dibattito con una breve discussione in terza lettura prima che fosse approvata con 25 emendamenti.

L’aborto era precedentemente elencato ai sensi del Crimes Act e, se condannato, si potrebbero affrontare 10 anni di carcere .

Studio CORRELATO : tasso di aborto negli Stati Uniti più basso dalla legalizzazione del 1973

Con il passare delle bollette, l’aborto è ora legale in tutto il paese ad eccezione del Sud Australia.

Penny Sharp, parlamentare laburista e co-sponsor del disegno di legge, ha affermato che si trattava di “un enorme passo avanti per le donne”.

“Ed è fatto”, ha detto su Twitter Penny Sharp, vice leader dell’opposizione del Consiglio legislativo del Nuovo Galles del Sud . “L’aborto non rientra nella legge sui crimini. Esiste un quadro sanitario legale sicuro”.

CORRELATO La prima esperienza sessuale è stata forzata per 1 su 16 donne statunitensi

Fair Agenda, un’organizzazione no profit australiana che fa campagna per il diritto delle donne, ha definito “storico” l’approvazione del disegno di legge.

“Cambiamento storico di oggi è un testamento per la difesa e la leadership di sostenitori pro-choice che hanno difeso le leggi più compassionevole, molti dei quali per decenni,” Direttore Fiera Agenda esecutivo Renee Carr ha detto in un comunicato . “… Una donna sa cosa è giusto per il suo corpo, la sua famiglia e il suo futuro. Il Parlamento del Nuovo Galles del Sud lo ha riconosciuto.”

Tuttavia, non tutti concordano con il disegno di legge in quanto 10 membri del Consiglio legislativo della Camera alta hanno firmato una petizione contro la legge nel tentativo di farlo bloccare, sostenendo che “non riuscirà a proteggere adeguatamente i diritti di un nascituro bambino “oltre ad essere stato seguito rapidamente dal parlamento.

RELAZIONI Resti di 2.200 bambini abortiti trovati nella casa del medico dell’Illinois

Nonostante la petizione abbia avuto scarso effetto, la Cree ha dichiarato di essere “delusa” dal fatto che avrebbero tentato di tenere in ostaggio la legge sulla riforma sanitaria.

Ora, ha detto, è tempo per l’Australia del sud, dove le leggi sanitarie “sono fuori dal mondo e obsolete”, per seguire l’esempio.

“Abbiamo bisogno di un sistema che garantisca alle donne l’accesso alle cure per l’aborto quando ne hanno bisogno e dove ne hanno bisogno”, ha affermato. “Nessuno che causa ritardi inutili per i pazienti che cercano una procedura sensibile al tempo.”

dal sito www.upi.com