Approvato il bilancio UE 2020: investire di più in clima, lavoro e giovani

Approvato il bilancio UE 2020: investire di più in clima, lavoro e giovani

  • Oltre € 500 milioni in più dedicati all’azione per il clima
  • Sostegno ai giovani: rilancio di Erasmus e lotta alla disoccupazione giovanile
  • Ultimo bilancio annuale dell’attuale quadro finanziario 2014-2020

Per il bilancio dell’UE del prossimo anno, i deputati hanno ottenuto un sostegno migliore per proteggere il clima, dare impulso alla ricerca, investimenti nelle infrastrutture e aiutare i giovani.

Il Parlamento ha ottenuto complessivamente ulteriori 850 milioni di euro per le sue priorità.

  • Oltre mezzo miliardo di euro in più sono destinati alle spese legate al clima;
  • Più € 302 milioni per progetti di ricerca;
  • Più 133 milioni di euro per investimenti in infrastrutture di rete (meccanismo per collegare l’Europa)
  • Più € 50 milioni per Erasmus + e più 28,3 milioni per l’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile (con ulteriori € 50 milioni da aggiungere nel 2020 se necessario);

Gli stanziamenti d’impegno complessivi per il 2020 ammontano a 168,7 miliardi di euro (aumento dell’1,5% rispetto al 2019); gli stanziamenti di pagamento ammontano a 153,6 miliardi di euro (+ 3,4% rispetto al 2019).

Il Consiglio ha approvato formalmente l’accordo raggiunto con il Parlamento il 25 novembre, mercoledì il Parlamento ha approvato il bilancio con 543 voti favorevoli, 136 contrari e 23 astensioni. È stato poi firmato in legge dal presidente del Parlamento europeo David Sassoli.

I dettagli sull’accordo di bilancio del 18 novembre sono disponibili qui . Ulteriori informazioni di base possono essere scaricate qui .

Citazioni

I membri della squadra parlamentare di negoziazione hanno rilasciato le seguenti dichiarazioni durante il dibattito in Aula:

Johan Van Overtveldt (ECR, BE), presidente della commissione per i bilanci:

“Questo è un budget forte, responsabile e orientato al futuro. Dobbiamo avere il coraggio di continuare in questa direzione in futuro. Dobbiamo ora optare per un bilancio a lungo termine per il 2021-2027 che tenga effettivamente conto, in modo esplicito, chiaro e audace, delle esigenze dei nostri cittadini. Un bilancio incentrato su innovazione, competitività, clima, infrastrutture, sicurezza e gestione della migrazione – che sono le aree in cui l’Europa può assolutamente offrire un valore aggiunto rispetto alle azioni a livello nazionale “.

Monika Hohlmeier (PPE, DE), relatrice principale (sezione del bilancio della Commissione): “850 milioni di euro in più per i cambiamenti climatici, in particolare nei settori della ricerca e dell’innovazione, dei giovani e della digitalizzazione. Abbiamo realizzato molto per creare posti di lavoro e aumentare la competitività dell’Unione europea. Siamo riusciti ad aumentare le linee di bilancio relative alla protezione del clima di 504 milioni di euro e a garantire che il prossimo anno oltre il 21% delle spese sarà legato al clima. Ciò supera chiaramente l’obiettivo del 20% dell’UE. “

Eider Gardiazabal Rubial (S&D, ES), relatore per le altre sezioni: “Questo è un accordo molto positivo per l’Unione europea. Ma siamo ancora molto lontani dal bilancio dell’RNL dell’1,3% che chiediamo per il quadro finanziario a lungo termine 2021 -2027; lontano dall’ambizioso bilancio che potrebbe rappresentare un punto di svolta nella lotta contro i cambiamenti climatici e le disuguaglianze. “

Informazioni di base

I pagamenti si riferiscono a ciò che deve essere speso concretamente nell’anno del bilancio, vale a dire il 2020. D’altro canto, gli impegni sono l’intero importo che può essere speso in diversi anni per un determinato progetto o programma.

Il Parlamento europeo e il Consiglio disponevano di 14 giorni dalla data dell’accordo informale (18 novembre) per approvare il progetto comune. Una volta approvato da entrambe le istituzioni, il Presidente del PE firma il bilancio e lo dichiara definitivamente adottato.

dal sito www.europarl.europa.eu