Il futuro dei viaggi nello spazio – Dove stanno andando la Germania e l’Europa?

Il futuro dei viaggi nello spazio – Dove stanno andando la Germania e l’Europa?

Per tornare sulla Luna, costruisci uno spazioporto tedesco, assicurati una connessione Internet veloce tra migliaia di satelliti. Ci sono molte idee legate ai viaggi nello spazio: dove vedono opportunità la Germania e l’Europa?

Berlino / Siviglia, Spagna (dpa) – Il lancio di un razzo in Germania? “Abbiamo bisogno di un accesso indipendente allo spazio”, ha recentemente dichiarato Andreas Hammer dell’Associazione delle industrie aerospaziali tedesche sull’idea di creare uno spazioporto sulla costa settentrionale del paese.

È ancora un’altra indicazione che la Germania – come altri – vuole concentrarsi sempre più su progetti propri.

Il coordinatore per la politica aerospaziale del governo tedesco, Thomas Jarzombek, sostiene che è importante che un paese abbia i propri sistemi nei viaggi nello spazio, soprattutto alla luce di potenziali crisi e conflitti.

I viaggi nello spazio non sono mai stati liberi dalla politica – e le politiche di potere che circondano la questione sono tornate a pieno regime. Vengono create “forze spaziali” e l’alleanza militare della NATO ha dichiarato lo spazio un “dominio operativo” separato.

Ma questa tendenza arriverà a spese dei progetti multinazionali?

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha gettato le basi per i suoi progetti spaziali congiunti in una riunione a fine novembre nella città spagnola di Siviglia, dove gli Stati membri hanno negoziato i programmi e il loro finanziamento.

Il direttore generale dell’ESA Jan Woerner li ha esortati a fornire più denaro per progetti condivisi.

“Non vogliamo estinguerci a causa di un meteorite”, ha detto all’inizio del consiglio ministeriale di due giorni a Siviglia, riferendosi alla roccia spaziale che ha avuto un impatto con la Terra e ha ucciso i dinosauri.

Particolarmente cara al cuore tedesco è la questione del “monitoraggio e salvaguardia”, uno dei quattro pilastri che l’ESA utilizzerà per strutturare i suoi progetti. Gli altri sono: esplorare e scoprire; servizi e applicazioni; e progettazione e gestione.

È necessario sviluppare un sistema per il rilevamento e l’intercettazione tempestivi di pericolosi oggetti celesti, mentre si sta lavorando anche per contrastare altre potenziali minacce come i brillamenti solari, che possono influenzare significativamente la vita sulla Terra.

I detriti spaziali sono un altro rischio. Circa 3.000 su un totale di 4.500 satelliti in orbita non sono più attivi e rappresentano un “grande pericolo”, ha detto Woerner.

“Due giorni fa stavo leggendo su un giornale: ‘Ah, non dovremmo pensare allo spazio, ci sono cose più importanti per l’uso quotidiano”, ha detto. Ma ha sostenuto che il viaggio nello spazio è, contrariamente all’opinione popolare, di vitale importanza per la vita quotidiana sulla Terra.

Nel prossimo anno, anche il nuovo razzo Ariane 6 dell’ESA dovrebbe decollare per la prima volta. La sua costruzione era stata decisa cinque anni fa. Il razzo alto 60 metri è pensato per essere più veloce ed economico del suo predecessore.

Ma è abbastanza? Il mercato è cambiato in modo significativo da quella decisione. La compagnia aerospaziale americana SpaceX, creata dal miliardario tecnologico Elon Musk, sta in particolare spingendo i prezzi verso il basso.

Grandi parti dei missili della concorrenza americana sono riutilizzabili. Mentre il ripetitore del primo stadio del Falcon 9 ritorna sulla Terra, l’Ariane 6 rimane un prodotto usa e getta.

Dal punto di vista dell’Europa, la concorrenza non è giusta.

“Elon Musk ottiene miliardi dalla NASA per portare merci cargo alla stazione spaziale”, ha detto Woerner. “La domanda è se ha davvero bisogno di quei miliardi per il servizio o se gli consente di offrire lanci commerciali più economici sul mercato.”

Anche le istituzioni dell’UE spesso preferiscono volare con un razzo SpaceX – comprese le forze armate tedesche, che recentemente avevano ancora in programma di trasportare tre satelliti spia nello spazio con SpaceX.

“Non siamo sicuri di come siano le prospettive commerciali di Ariane 6”, aveva detto Jarzombek a luglio.

Pierre Godart, il capo tedesco del produttore ArianeGroup, ha parlato degli aspetti di sicurezza: “I viaggi nello spazio sono applicabili a così tante aree importanti: previsioni meteorologiche, controlli alle frontiere, internet, ricezione della rete, televisione e molto altro”.

Le infrastrutture critiche sono coinvolte, ha detto.

“Vogliamo davvero renderci dipendenti dagli altri in questo senso?” chiese. “Nei viaggi nello spazio, questo è vero: senza sovranità sulla piattaforma di lancio, nessuna sovranità in orbita.”

In ogni caso, il razzo e la Stazione spaziale internazionale (ISS) rappresentano una quota considerevole degli investimenti tedeschi nell’ESA. Entrambi saranno probabilmente mantenuti.

In futuro, tuttavia, il governo tedesco vuole vedere le piccole e medie imprese (PMI) e le start-up trarre maggiori benefici dagli investimenti nei viaggi nello spazio. È un obiettivo esplicito migliorare le loro prospettive nel settore, secondo Jarzombek.

“Le PMI spaziali sono il nostro tema principale”, ha scritto su Twitter. Hanno “perso un po ‘” tra le grandi questioni come la ISS e Ariane, ha detto.

La Germania si concentra anche sui satelliti per l’osservazione della Terra, che sono importanti per la ricerca sul clima.

Per Klaus Schilling dell’Università di Würzburg, non sono solo i soldi ad essere significativi alla fine: “Puoi anche lottare per la leadership di mercato in importanti aree di nicchia con priorità e una buona strategia di attuazione”.

Ma quanti soldi sono necessari per affrontare queste sfide?

Nel 2019, l’ESA aveva un budget totale di 5,72 miliardi di euro (6,32 miliardi di dollari), il 73% dei quali è stato finanziato dagli Stati membri. Con 927 milioni di euro, la Germania è il secondo maggior contributo dopo la Francia (1,2 miliardi di euro). Anche i partner istituzionali come l’UE contribuiscono.

Nel corso dei prossimi tre anni, verrà osservato un aumento di circa il 10%.

Woerner ha sottolineato che l’ESA sta cercando un contributo degli Stati membri di soli 8 euro all’anno e per cittadino. Un sondaggio condotto dall’agenzia tra 5.000 europei ha scoperto che le persone sarebbero disposte a spendere in media 287 euro pro capite e l’anno.

“Il messaggio è: le persone, le persone normali sono davvero appassionate di spazio”, ha detto Woerner. “Vogliono vedere lo spazio, vogliono che siamo attivi nello spazio.”

 

dal sito