Rifiuti Roma.Vignaroli non abusi della sua posizione privilegiata, si occupi di ecomafie e lasci stare il Divino Amore

Rifiuti Roma.
Vignaroli non abusi della sua posizione
privilegiata, si occupi di ecomafie
e lasci stare il Divino Amore

Il Presidio No Discarica: “Non ci lasciamo intimidire”

Il Presidio No discarica Divino Amore rigetta qualunque ipotesi che veda Falcognana come la predestinata discarica della capitale a fronte di una incapacità politica che non ha eguali. Non ultima la dichiarazione del pentastellato Stefano Vignaroli, nonchè presidente della commissione parlamentare Ecomafie, che pur di salvare la faccia punta il dito sulla discarica del Divino Amore. Insomma, assistiamo all’ennesima prova di un bipolarismo politico bieco e alla totale mancanza di coerenza sul tema rifiuti. Proprio poche settimane fa la sindaca Virginia Raggi aveva detto il contrario, intervenendo proprio nel noto Santuario di Roma e rassicurando gli abitanti del IX Municipio. Mentre proprio Vignaroli venne a Falcognana nel 2013 per fare la sua passarella politica.

“Siamo basiti dalle parole di Vignaroli che, invece di indicare siti abusando della sua posizione, dovrebbe occuparsi di ecomafie. Vogliamo ribadire senza giri di parole che non esistono siti tecnicamente congrui e pronti per ospitare tonnellate di rifiuti – precisa il Presidio No Discarica Divino Amore -. Soprattutto in questo quadrante, già ampliamente penalizzato e per molti casi lacerato. L’unica certezza, purtroppo, è la solita incapacità di affrontare con consapevolezza la questione della “monnezza”. Regione Lazio e Comune di Roma hanno atteso troppi anni, sei per l’esattezza, nell’immobilismo totale e senza produrre alcuna risposta significativa su una tematica così scottante.

Sul nostro territorio, – conclude il Presidio – sul quale abbiamo già abbondantemente parlato, diffondendo rischi e pericoli, non abbiamno intenzione di alzare bandiera bianca, soprattutto quando sentiamo farneticazioni che somigliano più a una guerra tra poveri che a una discussione politica produttiva”.

da Ufficio Stampa
Presidio No Discarica Divino Amore