Il Parlamento europeo ha tagliato emotivamente il cavo Brexit

di | 1 Feb 2020

Il Parlamento europeo ha tagliato emotivamente il cavo Brexit

Mercoledì il Parlamento europeo vota per ratificare il trattato di recesso sulle condizioni del divorzio tra il Regno Unito e l’Unione europea, un giorno molto emozionante, due giorni prima della partenza degli inglesi.

Nigel Farage, leader del Partito Brexit e storico oppositore dell’UE per due decenni all’interno dell’emiciclo, ha aperto la palla al mattino con una conferenza stampa trionfante.

“Alle 23:00, ora di Londra, il 31 gennaio, lasceremo l’Unione Europea e passeremo il punto di non ritorno”, ha detto.

Ha affermato di essere soddisfatto di aver interpretato “il cattivo della farsa”, alimentando l’opposizione all’UE dall’interno del Parlamento usando clip di YouTube e interventi molto teatrali. Ma ha insistito sulla gravità della Brexit, che ha paragonato alla rottura di Enrico VIII con il Papa di Roma nel 1534.

La votazione storica è prevista per le 18:00 (17:00 GMT) dopo un dibattito di due ore. La votazione stessa durerà solo pochi minuti e non dovrebbe sorprendere ottenere il via libera dal Parlamento a maggioranza semplice dei voti espressi.

Al mattino, l’edificio frusciava con la folla dei grandi giorni. Molti media si sono preparati per raccontare la storia dal vivo per tutto il giorno.

“Per noi è un danno”, ha dichiarato il presidente del Parlamento europeo David Sassoli in un’intervista alla CNN alla vigilia di questo giorno speciale. “Ma dobbiamo rispettare la volontà dei cittadini britannici”.

In Piazza del Parlamento, un paio di turisti hanno aspettato che un giornalista finisse di parlare prima di posare per la bandiera britannica. “Mentre è ancora lì. Perché è molto triste”, disse il marito prima di dare un’occhiata contrita a posare.

Il rappresentante del Regno Unito presso l’UE, Tim Barrow, ha presentato mercoledì mattina al Consiglio europeo il documento ufficiale attestante che Londra ha adempiuto a tutti i suoi obblighi legali di lasciare l’UE.

L’ultimo passo sarà l’adozione mediante procedura scritta del trattato giovedì da parte del Consiglio (gli Stati membri). Dopo 47 anni di una relazione spesso difficile, Brexit entrerà in vigore venerdì alle 23:00 GMT.

Una settimana fa, la commissione parlamentare responsabile della questione ha raccomandato un voto a favore dell’accordo, a larga maggioranza. Dei 26 membri, solo tre si sono opposti, funzionari eletti britannici del partito laburista, LibDem e Scottish National Party (SNP).

In questa occasione, Guy Verhofstadt, che ha presieduto il gruppo di contatto durante tutti i negoziati sul trattato, ha ricordato che non si trattava di bloccare il divorzio. “La scelta è tra una Brexit ordinata e una Brexit dura”, ha insistito.

– Come dire addio –

Il voto di mercoledì segna la partenza degli eurodeputati britannici, senza che l’UE sappia davvero dire addio.

I pro-Brexit britannici hanno programmato la maggior parte delle loro celebrazioni a casa.

Il momento non è molto glorioso per il blocco europeo: dopo anni di allargamento, questa è la prima volta che un membro se ne è andato.

La firma del trattato di ritiro nel cuore della notte da giovedì a venerdì della scorsa settimana da parte dei presidenti delle istituzioni Ursula von der Leyen e Charles Michel, di nascosto, senza i media presenti, è sorpresa.

Nessuna cerimonia formale nemmeno per il ritiro delle bandiere britanniche.

“Sarà fatto con tutta la dignità necessaria”, ha promesso un portavoce del Parlamento, aggiungendo che una copia sarebbe stata conservata al Museo di storia europea di Bruxelles.

Una breve cerimonia è prevista dopo il voto.

Martedì, il Regno Unito ha partecipato al suo ultimo Consiglio dei ministri dell’UE, occasione in cui il rappresentante britannico Christopher Pincher, ministro per l’Europa e le Americhe, si è rallegrato “in un mondo molto diverso e ‘una relazione molto diversa’ a venire.

Un capitolo si chiude, ma si apre un nuovo periodo di negoziati altrettanto difficile: durante il periodo di transizione, durante il quale il Regno Unito continuerà ad applicare le norme comunitarie, l’UE e Londra dovranno raggiungere un accordo sulle loro relazioni future, in particolare un accordo commerciale.

Il negoziatore europeo Michel Barnier ha nuovamente avvertito lunedì che “era assolutamente chiaro che ci sarebbero state conseguenze negative”.

“Qualunque accordo raggiungiamo sulla nostra relazione futura, la Brexit sarà sempre un’operazione per limitare il danno”, ha affermato.

 

dal sito www.afp.com