Primo portale completo per tracciare il supporto dello sviluppo delle capacità internazionali per il monitoraggio delle foreste

Primo portale completo per tracciare il supporto dello sviluppo delle capacità internazionali per il monitoraggio delle foreste

Miglioramento delle informazioni sulle foreste fondamentali per azioni più incisive sul clima

La Global Forest Observations Initiative (GFOI) ha lanciato oggi un portale – la prima piattaforma così completa – per tracciare il supporto dello sviluppo delle capacità internazionali ai paesi in via di sviluppo nel monitoraggio delle foreste per l’azione per il clima.

Il portale – l’inventario delle attività GFOI – è uno sportello unico con informazioni di facile accesso su oltre 400 attività di monitoraggio delle foreste in 70 paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e Pacifico, America Latina e Caraibi. Gli utenti possono cercare informazioni per paese o regione, per tipo di attività di monitoraggio delle foreste e per donatori.

“La raccolta e la diffusione di migliori informazioni sulle foreste è vitale per i paesi e gli sforzi della comunità internazionale per intraprendere azioni mirate ed efficaci sui cambiamenti climatici”, ha affermato Hiroto Mitsugi, vicedirettore generale FAO per le foreste.

Il portale aiuterà i governi e i donatori a identificare lacune, condividere risorse, evitare sovrapposizioni ed esplorare opportunità per nuove partnership per affrontare meglio le sfide che i paesi affrontano mentre sviluppano i loro sistemi nazionali di monitoraggio delle foreste.

Il portale è una pietra miliare nella partnership GFOI. È stato progettato e popolato dai partner che guidano l’iniziativa tra cui: Australia, Germania, Norvegia, Regno Unito, il programma SilvaCarbon degli Stati Uniti , il Comitato internazionale per i satelliti di osservazione della terra ( CEOS ), l’Agenzia spaziale europea ( ESA ), la FAO e la Banca mondiale . La piattaforma sarà gestita dall’ufficio GFOI, ospitato dalla FAO, con finanziamenti dall’Australia e dalla Norvegia.

Il portale mostra le informazioni dei principali partner mondiali per lo sviluppo delle foreste, inclusi governi nazionali, professionisti dello sviluppo, agenzie spaziali ed esperti forestali.

È un esempio di collaborazione riuscita e condivisione aperta delle informazioni, che è essenziale in un’era di cambiamenti climatici globali quando i grandi dati geospaziali e altre informazioni diverse e utilizzabili diventano sempre più disponibili.

Perché è importante il monitoraggio delle foreste?


I paesi devono affrontare pressioni crescenti per fornire informazioni aggiornate e trasparenti sulle foreste e sulle emissioni di gas a effetto serra che soddisfano obiettivi e traguardi stabiliti a livello internazionale, compresi quelli stabiliti dall’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, in particolare il raggiungimento di gli obiettivi di sviluppo sostenibile, in particolare gli OSS 1 3 e 15 .

I paesi in via di sviluppo stanno lavorando per costruire sistemi nazionali di monitoraggio delle foreste che integrino le ultime tecnologie nel telerilevamento e osservazioni terrestri per monitorare i cambiamenti nella portata e nelle condizioni delle foreste.

La deforestazione tropicale e il degrado delle foreste offrono un contributo significativo ai cambiamenti climatici. Secondo l’ IPCC Climate Change and Land Report (agosto 2019), la silvicoltura e l’uso del suolo rappresentano circa il 13 percento delle emissioni totali nette di biossido di carbonio indotto dall’uomo (CO 2 ). La maggior parte di queste emissioni deriva dalla deforestazione e dal degrado delle foreste.

Tuttavia, il rimboschimento, la gestione sostenibile delle foreste e la riduzione della deforestazione rendono le foreste una delle soluzioni più economiche e immediate per contenere i cambiamenti climatici mentre le foreste rimuovono grandi quantità di carbonio dall’atmosfera mentre crescono.

dal sito www.fao.org