Disimpeachment: Trump assolto e rilanciato

Disimpeachment: Trump assolto e rilanciato

Il Senato “libera” The Donald dalla “caccia alle streghe”. Fallisce la condanna e, sondaggi alla mano, il danno d’immagine: il presidente ne esce indenne, democratici e grande stampa americana molto meno

Cala il sipario sull’impeachment di Donald Trump. “La più grande caccia alle streghe della storia americana”, secondo il presidente. La scommessa politica più sbagliata per i democratici Usa, secondo la storia.

Come era scritto nei numeri, il Senato ha assolto il presidente Trump dalle accuse di abuso di potere e ostruzione al Congresso. Quattro mesi dopo l’avvio dell’indagine formale alla Camera – e 16 giorni dopo l’inizio del processo al Senato – ormai è ufficiale che il Kievgate – il presunto ricatto all’Ucraina di vincolare lo sblocco degli aiuti militari all’apertura di un’indagine sui Biden – non è bastato a far cadere il 45esimo presidente degli Stati Uniti d’America. “Una vittoria del Paese” twitta Donald Trump, che si riprenderà la scena in una conferenza stampa dedicata alle 18 ora italiana di giovedì.

Per estrometterlo, ci sarebbero voluti 67 voti a favore su un totale di 100 senatori: fantasia pura, visto che in Senato siedono 53 rappresentanti di un partito, il GOP, che raramente è stato così compatto attorno a un leader. Simbolica, ma poco più, la decisione di Mitt Romney di votare a favore dell’accusa di abuso di potere, in dissenso dal partito repubblicano: “Il presidente è colpevole di un terribile abuso di fiducia pubblica”, ha dichiarato il senatore. “Il mio voto probabilmente sarà in minoranza al Senato ma potrò dire ai miei figli e ai miei nipoti di aver fatto il mio dovere al meglio”.

D’altronde, non è mai successo nella storia americana che un presidente venisse estromesso dal voto del Senato. Nel 1999, Bill Clinton fu assolto dalle accuse di aver mentito sotto giuramento e aver ostruito la giustizia per coprire una relazione sessuale con una stagista della Casa Bianca. Nel 1868, Andrew Johnson fu assolto da tutti e 11 i capi d’accusa mossi contro di lui, che in parte ruotavano attorno a una controversia postbellica per la sua rimozione del segretario di guerra. L’unico presidente spinto a ritirarsi sotto la minaccia di impeachment fu Richard Nixon, che nel 1974 decise di dimettersi dopo aver perso il sostegno di molti repubblicani per lo scandalo del Watergate.

Decenni dopo, la vicenda dell’impeachment di Trump è la dimostrazione di come la politica americana sia definitivamente uscita dalle categorie che si sono fin qui utilizzate per inquadrarla: il modo in cui Trump ha monopolizzato un partito vecchio e stanco, imponendo la sua leadership muscolare in America e nel mondo, ha sconvolto il partito democratico al punto da renderlo schizofrenico. Lo dimostra l’assenza di compattezza su un candidato davvero forte per la nomination, capace di sfidare il presidente in carica. Lo dimostra il disastro delle primarie in Iowa, che di questa confusione sembrano essere il karma.

Non solo: lo scarto tra l’impatto attribuito all’impeachment dalle grandi testate americane e il grado di coinvolgimento effettivo degli americani è il suggello della discesa in campo della stampa liberal, che ormai non è più super partes, ma parte attiva di una guerra che è politica e mediatica. Lo specchio di questo scarto è nell’impatto – pressoché nullo – del Kievgate sull’opinione pubblica: sostanzialmente, chi era contro Trump è rimasto contro Trump, ma chi era con lui non gli ha voltato le spalle, anzi.

Secondo l’ultima rilevazione di Gallup pubblicata alla vigilia del voto sull’impeachment e a poche ore dal discorso sullo stato dell’Unione, il sostegno degli americani al presidente tocca quota 49%, il livello più alto da quando il tycoon si è insediato alla Casa Bianca. Il grado di approvazione all’interno del partito repubblicano è addirittura al 95%, “un record”, come ha twittato lui stesso mercoledì. La speranza dei democratici – che lo show dell’impeachment avrebbe comunque finito per danneggiare e indebolire The Donald nella sua corsa per la rielezione – si è infranta contro l’ego granitico del presidente.

L’anticipo della resa dei conti si è avuto già mercoledì sera con il discorso sullo stato dell’Unione trasformato in un maxi-spot elettorale, nemmeno una parola ‘sprecata’ per i “cacciatori di streghe”. “Il meglio deve ancora venire”, ha promesso Trump alla sua America. “Abbiamo fatto il nostro lavoro, abbiamo sconfitto il declino dell’America e ne abbiamo fatto di nuovo un Paese forte e rispettato nel mondo. E non lasceremo che l’America venga distrutta dal socialismo”. Con un gesto di stizza, la speaker della Camera Nancy Pelosi ha strappato la copia del discorso di Trump. “Era la cosa più cortese da fare, viste le alternative”, ha poi spiegato ai cronisti. Chissà se, nel segreto delle sue stanze, avrà la lucidità per riflettere su cosa è andato storto.

dal sito www.huffingtonpost.it