Riflettori: esperti preoccupati della riluttanza della Cina ad accettare l’aiuto sul campo dal gruppo di esperti dell’OMS

Riflettori: esperti preoccupati della riluttanza della Cina ad accettare l’aiuto sul campo dal gruppo di esperti dell’OMS

Diplomatici ed esperti hanno affermato giovedì che la Cina ha accettato lentamente l’aiuto sul campo da parte di esperti sanitari internazionali. Hanno notato che il team di avanzamento dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) era arrivato a Pechino quattro giorni fa, ma fino ad oggi non sono stati forniti dettagli su come e quando sarà distribuito il gruppo di esperti dell’OMS.

Quasi 60.000 nuovi casi diagnosticati di nuova polmonite coronarica sono stati segnalati in Cina: il virus è ora chiamato SARS-CoV-2 ed è stato scoperto per la prima volta in un mercato ittico nella città centrale di Wuhan lo scorso dicembre. L’Organizzazione mondiale della sanità afferma che l’epidemia si è diffusa in altri 24 paesi e ha infettato oltre 440 persone.

Il direttore generale dell’OMS Tan Desai ha incontrato il presidente cinese Xi Jinping durante la sua visita di due settimane in Cina, che ha concordato che l’OMS avrebbe inviato un team internazionale in Cina per aiutare a indagare sulla fonte e sulla diffusione del virus.

Un “team avanzato” di tre esperti è arrivato lunedì a Pechino, guidato da funzionari dell’OMS, il dott. Bruce Aylward, specialista canadese di emergenza in sanità pubblica, e la dott.ssa Maria van Kerkhove, OMS.

“Il nostro team avanzato in Cina ha fatto buoni progressi nel determinare la composizione e la portata del team. Speriamo di annunciare più presto”, ha detto Tan Desai ai giornalisti mercoledì sera.

Ha detto che l’intero gruppo includerà 10-15 esperti, ma non ha rivelato dettagli come chi saranno o quando viaggeranno in Cina.

Funzionari della Commissione sanitaria hanno dichiarato che Hubei, incluso Wuhan, ha avuto un nuovo bilancio delle vittime di 254 giovedì e un totale di 1.367 morti, il numero di casi confermati è aumentato notevolmente dopo l’adozione del nuovo metodo diagnostico.

Un alto diplomatico occidentale ha detto a Reuters a Ginevra che “la situazione sarebbe ovviamente migliore se la squadra (missione) arrivasse prima”, ma ha aggiunto che la squadra potrebbe ancora lavorare efficacemente con i colleghi cinesi dopo il suo arrivo.

Ha aggiunto: “Questo è molto preoccupante e inquietante e non abbiamo ancora visto il tipo di ruolo sostanziale e indipendente che ci aspettiamo”.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno dichiarato mercoledì di non aver ancora ricevuto un invito a inviare esperti in Cina per assistere le indagini dell’OMS.

Kudlow, direttore del Consiglio economico nazionale della Casa Bianca, ha detto ai giornalisti alla Casa Bianca che il governo degli Stati Uniti è rimasto deluso dal fatto che Pechino non abbia accettato la proposta degli Stati Uniti di inviare un team di esperti dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie per aiutare la Cina a controllare l’epidemia.

Lawrence Gostin, professore di diritto sanitario globale presso la Georgetown University Law School, ha detto a Reuters: “Non solo la Cina è stata lenta nell’invitare partner internazionali ad aiutare a rispondere allo scoppio, ma al momento esiste solo una piccola squadra avanzata a Pechino, non Hubei”.

Gostin si chiedeva se il governo cinese avrebbe accantonato le “differenze politiche e commerciali” e avrebbe accettato il personale esperto inviato dal CDC.

“Sfortunatamente, la Cina non sembra accettare la raccomandazione del CDC di inviare esperti per fornire assistenza sul campo. Il CDC è una delle agenzie di risposta per la prima volta più esperte”, ha aggiunto.

Gostin si è domandato se la Cina consentirebbe agli esperti dell’OMS di verificare in modo indipendente informazioni importanti sulla traiettoria dell’epidemia.

“Possono avere accesso illimitato ai dati epidemiologici e virologici in tempo reale? Hanno la libertà di entrare nelle case e nelle comunità … saranno un partner su vasta scala per la sorveglianza e la risposta della salute pubblica?”, Ha detto.

Secondo i resoconti dei media statali cinesi, il presidente cinese Xi Jinping ha dichiarato martedì che il lavoro di pre-controllo della Cina sulla nuova epidemia di polmonite da corona sta producendo risultati positivi e che il paese otterrà sicuramente una vittoria globale nella lotta contro la prevenzione e il controllo dell’epidemia. Xi Jinping ha anche affermato giovedì che la Cina deve essere in grado di ridurre al minimo l’impatto dell’epidemia e mantenere lo slancio dello sviluppo economico della Cina.

Funzionari dell’OMS affermano che le autorità cinesi competenti sono state aperte e collaborative, condividendo dati rilevanti con l’OMS e i ricercatori di tutto il mondo durante l’epidemia.

dal sito www.cn.reuters.com