CDC avverte gli americani di prepararsi alla pandemia di COVID-19

CDC avverte gli americani di prepararsi alla pandemia di COVID-19

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie martedì hanno avvertito gli americani di prepararsi per una pandemia di coronavirus.

Nancy Messonnier, direttrice del Centro nazionale per le immunizzazioni e le malattie respiratorie del CDC, ha dichiarato durante un briefing stampa che l’epidemia di COVID-19 “in rapida evoluzione e in espansione” ha ora visto la “diffusione della comunità” in più paesi, nonché casi in diverse regioni senza un’esposizione nota a dove ha avuto origine la malattia, Wuhan, Cina.

“Questi fattori soddisfano due dei tre criteri per una pandemia”, ha detto Messonnier. “Il mondo sembra avvicinarsi al terzo criterio: diffusione mondiale”.

Il CDC e le altre agenzie federali continuano a prendere provvedimenti per rallentare l’introduzione del virus negli Stati Uniti per dare ai funzionari il tempo di prepararsi, ha detto. Tuttavia, poiché un numero crescente di paesi segnala la diffusione della malattia nella comunità, il contenimento ai confini statunitensi diventa più difficile.

CORRELATI acquirenti della Corea del Sud vanno online man mano che il coronavirus si diffonde

Lunedì, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rifiutato di dichiarare lo scoppio di una pandemia, anche se gruppi di casi sono emersi in Iran, Italia e altrove. Martedì, la località spagnola di Tenerife ha bloccato un hotel dopo che centinaia di ospiti erano stati esposti a un medico italiano che era risultato positivo al virus dopo essere stato lì.

Ad oggi, ci sono stati 57 casi confermati di COVID-19 tra cittadini statunitensi. Di questi, 40 erano passeggeri evacuati dalla nave da crociera Diamond Princess. Tre casi hanno coinvolto gli americani “rimpatriati” da Wuhan dal Dipartimento di Stato.

Messonnier ha detto che il CDC sta usando il suo piano di pandemia influenzale come guida per come potrebbe essere una possibile risposta COVID-19. In linea di massima, se il piano dovesse essere attuato, potrebbe comportare una quarantena diffusa, la chiusura delle scuole – con la transizione del lavoro in classe online – e altre misure.

CORRELATI casi di coronavirus della Corea del Sud vicino a 1.000; 11 morti

Da quando il piano per l’influenza è stato redatto nel 2017, il CDC ha condotto due esercizi per provare la sua attuazione. C’è stato anche almeno un esercizio di preparazione alla pandemia in tutto il governo, ha detto Messionnier.

“Queste sono cose a cui dobbiamo iniziare a pensare ora”, ha detto. “Dobbiamo prepararci a interruzioni significative della nostra vita. Le persone sono preoccupate per la situazione. Giustamente. Ma stiamo mettendo le nostre preoccupazioni al lavoro preparando”.

I funzionari del CDC hanno esortato le aziende, le strutture sanitarie e persino le scuole a pianificare ora i modi per limitare l’impatto di COVID-19 se o quando si diffonderà nelle comunità locali.

CORRELATI casi di coronavirus rallentano in Cina man mano che i cluster crescono in tutto il mondo

Secondo Messonnier, le aziende dovrebbero considerare di sostituire gli incontri di persona con il telelavoro e le scuole dovrebbero cercare di limitare i contatti faccia a faccia, dividendo gli studenti in gruppi più piccoli, attraverso chiusure o implementando corsi online.

Gli ospedali potrebbero anche voler iniziare il triaging dei pazienti che non necessitano di cure urgenti e raccomandare ai pazienti di ritardare la chirurgia elettiva. I funzionari dell’OMS martedì hanno elogiato i funzionari cinesi per aver adottato misure simili durante le prime fasi dell’epidemia.

Martedì prima, a Capitol Hill, i funzionari del CDC e del National Institutes of Health hanno incontrato senatori a porte chiuse, e i legislatori di entrambe le parti hanno espresso preoccupazione per quanto l’amministrazione Trump sia pronta a rispondere a COVID-19, qualora dovesse diventare un pandemia globale.

In particolare, alcuni si sono chiesti se l’amministrazione stia dedicando risorse sufficienti alla preparazione, evidenziando esempi di cattiva comunicazione tra agenzie, nonché una mancanza di dialogo tra CDC, NIH e Congresso.

L’amministrazione Trump ha richiesto l’approvazione del Congresso per 1,25 miliardi di dollari in finanziamenti di emergenza per combattere COVID-19, oltre ai suoi piani di trasferire circa $ 500 milioni da un fondo destinato a combattere l’Ebola. L’amministrazione ha dichiarato che oltre 1 miliardo di dollari verranno stanziati per lo sviluppo di vaccini e che gli altri fondi andrebbero ad accumulare dispositivi di protezione come maschere.

I funzionari della sanità e dei servizi umani hanno dichiarato martedì che il governo ha già accumulato più di 30 milioni di facemask.

“Il supplemento è molto al di sotto di ciò che è necessario per proteggere il popolo americano da un focolaio che sembra essere, a mio avviso, praticamente inevitabile” , ha detto ai giornalisti il senatore americano Richard Blumenthal , D-Conn. Dopo il briefing. “Questo briefing, che è stato classificato, dovrebbe essere reso disponibile al popolo americano perché ci sarebbe una protesta, un tumulto”.

Il senatore americano Lamar Alexander , R-Tenn., Ha dichiarato in una nota che l’amministrazione “sta facendo un ottimo lavoro nel mantenere gli americani al sicuro finora – 10 giorni fa ci sono state 14 infezioni e oggi ci sono 14 infezioni, più i 39 americani che furono riportati dalla Cina e dal Giappone, principalmente dalla nave da crociera “.

“Come presidente del comitato sanitario del Senato, continuerò a lavorare per assicurarmi che l’Amministrazione stia implementando il quadro di preparazione e risposta per le minacce emergenti alla salute pubblica che il Congresso ha già fornito”, ha detto Alexander.

Il comitato sanitario del Senato ha programmato un’audizione per il 3 marzo per saperne di più su ciò che l’amministrazione ha pianificato per prevenire la diffusione di COVID-19 e quali misure ha preso per coordinare la risposta federale, ha aggiunto.

Il CDC ha affrontato sfide nel potenziare i laboratori sanitari in tutto il paese per testare in modo efficace e accurato COVID-19. Sebbene l’agenzia abbia iniziato a distribuire kit di test per il virus due settimane fa, molti dei kit hanno prodotto risultati inconcludenti durante i test preliminari.

Messonnier ha dichiarato che l’agenzia sta lavorando alla sostituzione dei kit di test e spera di iniziare a inviarne di nuovi presto. Dodici laboratori in tutto il paese sono attrezzati per testare COVID-19 e il laboratorio CDC di Atlanta ha la capacità di testare senza arretrati.

“Sono frustrato che abbiamo avuto un problema con il test”, ha detto Messionnier.

 

dal sito www.upi.com