Coronavirus: gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo non prevedono di annullare

Coronavirus: gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo non prevedono di annullare

Gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo hanno dichiarato mercoledì che non avrebbero preso in considerazione una possibile cancellazione quando il governo giapponese ha chiesto di annullare o ridurre le dimensioni di grandi manifestazioni nelle prossime settimane a causa dei timori di diffusione coronavirus.

“Non ci abbiamo pensato. Non ne abbiamo sentito parlare. Abbiamo posto domande e ci è stato detto che un tale progetto non esiste “, ha dichiarato alla stampa il capo del comitato organizzatore dei Giochi olimpici di Tokyo 2020, Toshiro Muto.

Le domande relative alla continuazione dei Giochi estivi sorgono mentre altri eventi sportivi, come le partite di calcio, i rituali di apertura del torneo di sumo di marzo, tra gli altri, sono soggetti a rinvii o cancellazioni.

Gli organizzatori dei Giochi olimpici, in programma dal 24 luglio al 9 agosto, stanno cercando di rassicurarli.

“Il nostro principio di base è condurre i Giochi Olimpici e Paralimpici come previsto. Questa è la nostra premessa ”, ha lanciato il capo dei Giochi Olimpici.

Muto ha detto che gli organizzatori prenderanno in considerazione i modi per rispondere alle richieste del primo ministro Shinzo Abe di annullare, rinviare o ridurre la portata dei raduni per le prossime due settimane per prevenire la diffusione del nuovo coronavirus .

“Prenderemo le nostre decisioni studiando ogni singolo evento”, ha aggiunto.

Tuttavia, ha affermato che la staffetta della torcia olimpica, che inizierà il 26 marzo a Fukushima e attraverserà il paese, non sarà cancellata, ammettendo che potrebbero essere necessari degli adattamenti.

“Non abbiamo assolutamente intenzione di cancellarlo. Ma penseremo a come organizzarlo in modo che non conduca alla diffusione del virus, riducendo ad esempio la scala “, ha detto.

Muto ha attaccato le dichiarazioni di Dick Pound, membro del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), che ha dichiarato all’Associated Press che una decisione in merito ai Giochi dovrebbe essere presa entro due o tre mesi. venire. “Quando abbiamo chiesto al CIO (…) ci è stato detto che non era questo il modo di pensare al CIO”.

“Alla recente riunione del CIO a Tokyo, presieduta dal presidente del comitato di coordinamento John Coates, il coronavirus era ovviamente all’ordine del giorno”, ha detto ieri il ministro olimpico Seiko Hashimoto Parlamento. “A quel tempo, il nostro livello di preparazione per i Giochi ha ricevuto un punteggio elevato e il CIO si è impegnato a continuare a sostenerci”.

“È importante prepararsi immaginando lo scenario peggiore”, ha aggiunto.

Dobbiamo concentrarci “semplicemente sull’obiettivo di porre fine (la crisi del virus) al più presto al fine di organizzare i Giochi di Tokyo con un senso di sicurezza e ottenere l’approvazione del CIO”, aveva- lei concluse.

L’apertura delle Olimpiadi è prevista per il 24 luglio e si concluderà il 9 agosto, con l’inizio delle Paralimpiadi previsto per il 25 agosto.

dal sito www.la-croix.com