Il globo si prepara per una lunga battaglia contro i virus man mano che i casi si diffondono

Il globo si prepara per una lunga battaglia contro i virus man mano che i casi si diffondono

SEOUL, Corea del Sud – Gli scienziati hanno corso per trovare un trattamento, gli equipaggi hanno spazzato via tutto, dai soldi agli autobus, e le quarantene sono state applicate mercoledì da un resort sulla spiaggia nell’Atlantico a un’isola disabitata nel Pacifico mentre il mondo combatteva la diffusione di un nuovo virus.

Le preoccupazioni per la sempre crescente ricaduta economica della crisi COVID-19 si moltiplicarono, con fabbriche inattive, rotte commerciali bloccate e turismo paralizzato , mentre un elenco crescente di paesi si preparava alla malattia per rivendicare un nuovo territorio. Persino le Olimpiadi, a cinque mesi di distanza, non erano abbastanza lontane da impedire alla gente di chiedersi se sarebbe andata come previsto .

“Non ci aspettiamo un miracolo a breve termine”, ha detto Kianoush Jahanpour del ministero della salute in Iran, dove un conteggio ufficiale delle infezioni di 139 è stato messo in dubbio da alcuni che pensavano che il problema fosse molto più grande .

Circa 81.000 persone in tutto il mondo sono state ammalate dal coronavirus che ha continuato a trovare nuovi obiettivi.

STORIE CORRELATE
– Quanto è mortale il nuovo coronavirus? È ancora troppo presto per dirlo
– L’ Iran aumenta il bilancio delle vittime a 19 tra 139 casi di coronavirus
– Attenzione, le cancellazioni segnano il mercoledì delle ceneri in tempo di virus

In Europa, dove Germania, Francia e Spagna erano tra i luoghi con un crescente carico di lavoro, un gruppo in espansione di oltre 200 casi nel nord Italia è stato considerato una fonte di trasmissioni. In Medio Oriente, dove i casi sono aumentati in Bahrain, Kuwait e Iraq, la colpa è stata diretta verso l’Iran. In Asia, dove la crisi è nata alla fine dell’anno scorso in Cina, le minacce hanno continuato a emergere in tutta la regione, con la Corea del Sud che combatteva un focolaio di massa incentrato sulla città di Daegu da 2,5 milioni di persone.

Sebbene il virus abbia spinto in paesi sia ricchi che poveri, il suo arrivo in luoghi con scarsa capacità di rilevarlo, rispondere e contenerlo ha destato preoccupazione, potrebbe correre dilagante lì e diffondersi facilmente altrove.

“Stiamo cercando di rallentare la diffusione in modo che i nostri ospedali non vengano travolti da un grande sorso, un grande successo”, ha dichiarato Ian Mackay, che studia virus all’Università del Queensland in Australia.

In Corea del Sud, i lavoratori hanno disinfettato gli autobus pubblici, mentre in Cina le banche hanno disinfettato le banconote usando i raggi ultravioletti. In Germania, le autorità hanno sottolineato “l’etichetta starnuti”, mentre negli Stati Uniti i medici hanno annunciato una sperimentazione clinica di un possibile trattamento con coronavirus .

In tutto il mondo, quando i cristiani segnarono l’inizio della stagione santa della Quaresima con il Mercoledì delle Ceneri, i fedeli trovarono le chiese chiuse e i rituali cambiati dalle paure dei virus . Anche in Piazza San Pietro, molti di quelli riuniti per il pubblico settimanale di Papa Francesco indossavano maschere e il clero sembrava astenersi dall’abbracciare il pontefice o dal baciare il suo anello.

I servizi a Singapore sono stati trasmessi online per mantenere la gente dai santuari affollati dove i germi potrebbero diffondersi, i vescovi nella Corea del Sud hanno chiuso le chiese per quello che hanno detto era la prima volta nella storia della Chiesa cattolica 236 anni lì, e in Malesia e nelle Filippine, le ceneri erano cosparso sulle teste di quelli che segnano l’inizio della Quaresima invece di usare un pollice umido per tracciare una croce di cenere.

“Vorremmo essere cauti affinché il coronavirus non si diffonda”, ha affermato il Rev. Victorino Cueto, rettore del Santuario Nazionale della nostra Madre del Perpetuo Soccorso a Manila, nelle Filippine.

Le riunioni più importanti sono state guardate con diffidenza, con gli organizzatori che si affrettavano a rispondere di fronte all’epidemia. Il più grande di tutti sono i giochi olimpici, le cui cerimonie di apertura sono previste per il 24 luglio a Tokyo. Un membro del Comitato Olimpico Internazionale, Richard Pound, ha lanciato un allarme il giorno prima, dicendo che il virus potrebbe forzare la cancellazione dei giochi. Il governo giapponese, a sua volta, ha dato segnali contrastanti, insistendo sul fatto che sarebbero andati avanti e sollecitando che ora gli eventi sportivi fossero ridotti.

Copertura completa: epidemia di virus
Il primo ministro Shinzo Abe ha chiesto la cancellazione o il rinvio di importanti eventi sportivi e culturali nelle prossime due settimane per arginare ulteriori infezioni. Nel frattempo, il portavoce del governo ha dichiarato che i preparativi per le Olimpiadi continueranno e che i giochi continueranno come previsto.

Tra gli altri luoghi affollati che preoccupavano i funzionari: basi militari.

L’esercito sudcoreano ha annunciato ulteriori infezioni tra le sue truppe, con 20 casi sulle sue basi e circa 9.570 persone in isolamento. L’esercito americano, che ha 28.500 truppe nella Corea del Sud, ha confermato la prima infezione di un soldato americano , un uomo di 23 anni con base a Camp Carroll vicino a Daegu, il giorno dopo che gli americani hanno dichiarato che anche un coniuge militare aveva contratto la malattia. Le piste da bowling, i cinema e un campo da golf su quattro basi americane nel paese erano chiusi.

“Questa è una battuta d’arresto, è vero, non c’è niente da fare. Ma non è la fine della guerra ”, ha detto il colonnello Edward Ballanco, comandante dell’esercito americano Garrison Daegu in un video messaggio. “Siamo molto ben attrezzati per combattere questa cosa.”

L’Italia ha registrato 52 nuove infezioni mercoledì e la Grecia è diventata il paese più nuovo a vedere un caso del virus. La Corea del Sud ha annunciato 284 nuovi casi, in gran parte a Daegu, portando il suo totale a 1.261. La Cina, ancora l’epicentro della crisi, anche se i nuovi avamposti hanno attirato l’attenzione del mondo, hanno riportato 406 nuovi casi e altri 52 decessi. Il paese ha un totale di 78.604 casi di virus e 2.715 morti.

La Cina ha detto mercoledì che tra i malati del virus c’erano 555 prigionieri, che secondo i funzionari probabilmente sono stati infettati dalle guardie che usano la stessa stazione degli autobus del vicino ospedale polmonare. In un colpo di scena, la Cina sta ora regolando pesantemente gli arrivi dall’estero, con le autorità che controllano i sudcoreani, secondo quanto riferito dall’emittente di stato CCTV, dopo che cinque persone su un volo hanno mostrato segni di febbre.

L’Indonesia ha dichiarato di aver evacuato 188 membri dell’equipaggio dalla nave da crociera World Dream e ha pianificato di portarli nella remota isola di Sebaru. I lavoratori sono stati rilasciati dalla quarantena a Hong Kong dopo aver trovato alcuna infezione, ma le autorità hanno imposto un ulteriore periodo di osservazione.

E dalla parte opposta del mondo, alla MSC Meraviglia è stato negato il permesso di sbarcare a Grand Cayman, dove avrebbe dovuto arrivare mercoledì, a seguito della decisione della Giamaica di rifiutare l’ingresso. La linea di crociera ha espresso frustrazione per le mosse, che sono arrivate dopo aver riferito che un membro dell’equipaggio delle Filippine era malato di influenza stagionale comune.

Ha portato i ricordi del MS Westerdam, a cui è stato ripetutamente negato l’ingresso nei porti asiatici prima che la Cambogia accogliesse i suoi passeggeri.

MSC Crociere ha dichiarato che la Meraviglia stava navigando verso il Messico.

dal sito www.apnews.com