Un terzo dell’umanità sotto blocco dei virus

di | 1 Apr 2020

Un terzo dell’umanità sotto blocco dei virus

Più di un miliardo di indiani è andato in isolamento mercoledì, lasciando un terzo del pianeta ora ordinato di rimanere a casa, mentre gli Stati Uniti giurarono di spendere $ 2 trilioni di dollari per contrastare il danno economico del coronavirus.

L’Europa rimane al centro dell’epidemia, con la prima in Italia e ora il bilancio delle vittime in Spagna che ha superato quello della Cina, mentre il principe Carlo britannico è diventato l’ultimo personaggio di spicco a testare positivamente la malattia COVID-19.

I casi di coronavirus si stanno diffondendo anche in Medio Oriente, dove il bilancio delle vittime dell’Iran ha toccato quota 2.000 mercoledì, e in Africa, dove il Mali si è unito a tutti e sette i suoi vicini per dichiarare i suoi primi casi – due cittadini che sono arrivati ​​a casa di recente dalla Francia.

Le politiche del governo e la capacità di test dei virus variano ampiamente in tutto il mondo, quindi è difficile stimare l’entità reale della pandemia, ma sono stati dichiarati più di 404.000 casi in 175 paesi e territori da quando l’epidemia è emersa per la prima volta in Cina a dicembre.

Ciò che ha meno dubbi è il numero di decessi, con oltre 19.000 attribuiti al nuovo ceppo di coronavirus dall’inizio dell’epidemia.

– “Livello di investimento in tempo di guerra” –

Il danno economico del virus – e i relativi blocchi – potrebbero anche essere devastanti, con i timori di una recessione mondiale peggiore del tracollo finanziario avvenuto oltre un decennio fa.

Ma i mercati finanziari sono saliti alle stelle quando il Senato degli Stati Uniti e la Casa Bianca hanno concordato un pacchetto di incentivi del valore di circa il 10 percento dell’intera economia americana, un leader della maggioranza del Senato ad iniezione, Mitch McConnell, ha affermato che rappresentava un “livello di investimento in tempo di guerra”.

Il presidente Donald Trump ha espresso la speranza che gli Stati Uniti “stiano andando raramente” entro la metà di aprile, ma il suo ottimismo sembra essere rimasto quasi solo tra i leader mondiali, che stavano aumentando le restrizioni al movimento nel tentativo di reprimere la diffusione del malattia.

L’India ha ordinato ai suoi 1,3 miliardi di persone, la seconda popolazione più grande del mondo, di rimanere a casa per tre settimane.

La chiamata di “blocco totale” del Primo Ministro Narendra Modi ha raddoppiato il numero di persone in tutto il mondo sotto una qualche forma di restrizione di movimento a oltre 2,6 miliardi di persone.

“Per salvare l’India, per salvare ogni suo cittadino, tu, la tua famiglia … ogni strada, ogni quartiere è messo sotto chiave”, ha detto Modi in un indirizzo televisivo.

Resta da vedere se l’ordine verrà rispettato per intero. Il commerciante di verdure di Mumbai, Rafiq Ansari, ha affermato che i suoi clienti si stanno arrabbiando per carenze e aumenti dei prezzi.

“Non capisco cosa stia succedendo”, ha detto il 35enne ad AFP. “Nei prossimi giorni dovremo affrontare gravi carenze”.

In Cina, dove lo scorso anno è emerso il nuovo virus, le autorità hanno allentato le rigide regole sui 50 milioni di persone nella provincia di Hubei mercoledì dopo un periodo di blocco di mesi poiché il paese non ha segnalato nuovi casi interni.

Il capoluogo di provincia Wuhan – il ground zero dell’epidemia dopo essere stato inizialmente rilevato in un mercato che vendeva animali selvatici per il consumo umano – consentirà ai residenti di partire dall’8 aprile.

– Olimpiadi in attesa –

La pandemia ha fatto una breccia negli eventi sportivi e culturali del mondo e martedì ha rivendicato il più grande di tutti: le Olimpiadi di Tokyo 2020, rinviate al 2021.

“Questi giochi olimpici rinviati avranno bisogno di sacrifici, avranno bisogno di compromessi da parte di tutte le parti interessate”, ha detto ai giornalisti il ​​capo del CIO Thomas Bach, promettendo “di realizzare i sogni olimpici degli atleti”.

La situazione medica è ancora critica in Europa, dove la Spagna si è unita all’Italia più colpita nel superare anche il bilancio della Cina dopo che 738 persone sono morte nelle ultime 24 ore, portando le morti nel paese a 3.434.

Il crescente numero di morti è arrivato quando la Spagna è entrata nell’undicesimo giorno di un blocco senza precedenti per cercare di frenare l’epidemia di COVID-19 che ha infettato 47.610 persone, ha detto il ministero della salute.

Il presidente iraniano ha avvertito che restrizioni di movimento obbligatorie potrebbero essere introdotte non appena mercoledì sera nel paese, che finora ha visto uno dei più alti tassi di mortalità a causa della pandemia, con 143 nuovi decessi registrati durante la notte per un totale di 2.077.

Nel frattempo, quasi 130 milioni di americani, o il 40 percento della popolazione, sono o saranno presto sottoposti a un certo ordine di blocco, anche nel più grande stato della California.

Molti governi stanno ascoltando esperti di salute che avvertono che l’unico modo per rallentare l’epidemia – e salvare la vita degli anziani e dei soggetti vulnerabili – è imporre misure di “isolamento sociale”.

Ma Trump non è convinto che la mossa valga l’enorme costo economico di una chiusura che si estende oltre il 12 aprile.

“Il nostro paese – non è stato progettato per chiudere”, ha detto a Fox News. “Puoi distruggere un paese in questo modo chiudendolo.”

I mercati globali hanno finalmente iniziato a recuperare alcune delle perdite che hanno registrato in alcune settimane tumultuose.

Il Dow Jones Industrial Average è salito dell’11,3% martedì, il suo più grande rally dal 1933 durante la Grande Depressione, seguito da enormi salti mercoledì sui mercati asiatici e da una risposta più mista in Europa.

dal sito www.afp.com