Lo studio collega COVID-19 agli attacchi di cuore senza blocco

Lo studio collega COVID-19 agli attacchi di cuore senza blocco

Diciotto pazienti con COVID-19 grave trattati in un ospedale di New York City hanno mostrato i classici segni di un infarto sui loro elettrocardiogrammi.

Ma uno sguardo più attento a ciascun caso ha rivelato che oltre la metà di questi pazienti non aveva un blocco in un’arteria principale, il tipico innesco di un infarto. Tredici dei 18 pazienti sono deceduti per cause cardiache mentre erano in ospedale, ha detto un team della Grossman School of Medicine della New York University.

Questi risultati, pubblicati il ​​17 aprile sul New England Journal of Medicine, suggeriscono che c’è qualcosa nello stress del grave COVID-19 che potrebbe danneggiare il cuore in modi atipici, ha detto un cardiologo che non era coinvolto nel rapporto.

“Mentre continuiamo a conoscere l’impatto che COVID-19 ha sul nostro cuore, abbiamo iniziato a identificare effetti unici e insoliti”, ha dichiarato il Dr. Satjit Bhusri, cardiologo del Lenox Hill Hospital, sempre a New York City. “Alcuni pazienti presentano ECG anomali, che possono classicamente apparire come un attacco cardiaco acuto, ma senza una vera scoperta di un’arteria bloccata.”

La vera causa alla base di alcuni decessi cardiaci in questi pazienti può essere lo stress, fisico e non, causato da COVID-19, teorizzato da Bhusri.

“Questa disparità si riscontra anche nella cardiopatia indotta da stress, altrimenti nota come sindrome del cuore spezzato”, ha osservato.

Il nuovo rapporto è stato condotto dal Dr. Sripal Bangalore, professore di medicina presso la NYU Langone Health. Il suo team ha esaminato i casi di 18 pazienti ricoverati con COVID-19 le cui letture ECG indicavano che avevano avuto un infarto.

Gli elettrocardiogrammi hanno mostrato una lettura classica del “segmento ST elevato” che è indicativa di infarto, hanno detto i medici. Dieci pazienti hanno mostrato elevazione ST al momento del ricovero in ospedale, mentre altri otto lo hanno mostrato durante la degenza in ospedale.

Tuttavia, sulla base delle scansioni dell’angiografia coronarica o delle indagini del laboratorio di laboratorio, 10 dei pazienti – il 56 percento – sono stati trovati con “danno miocardico non coronarico”, ha detto Bangalore. In parole povere, ciò significa un attacco di cuore che non è stato causato da un blocco in un’arteria.

Quindi cosa potrebbe aver causato le lesioni cardiache fatali o quasi fatali subite da quei 10 pazienti? Non è chiaro, ma il team di Bangalore ha detto che COVID-19 potrebbe ferire il cuore attraverso una serie di cause, tra cui una rottura delle placche nei vasi sanguigni, lesioni dovute a scarsa ossigenazione, spasmo coronarico, piccoli coaguli non rilevati dagli angiogrammi o più lesioni “dirette” ai tessuti vascolari.

“Questa serie di casi mette in evidenza la complessità nella cura dei pazienti con COVID-19 che presentano cambiamenti di elettrocardiogramma che suggeriscono un attacco di cuore”, ha osservato Bangalore.

Questo perché l’uso del trattamento cardiaco standard – farmaci che eliminano il coagulo – a volte può essere inutile in questi pazienti, poiché “la metà di essi potrebbe non avere blocchi importanti”, ha spiegato.

“Nel complesso, il tasso di mortalità in ospedale per questi pazienti è molto elevato e abbiamo urgentemente bisogno di studi per capire come prendersi cura di loro”, ha detto Bangalore.

Il dott. Guy Mintz dirige la salute cardiovascolare presso il Sandra Atlas Bass Heart Hospital di Manhasset, NY Leggendo il nuovo rapporto, ha notato che i pazienti erano “relativamente giovani, con un’età media di 63 anni”. Il gruppo presentava fattori tradizionali di rischio cardiaco: due terzi avevano la pressione alta, un terzo aveva il diabete e il 40% aveva il colesterolo alto.

Mintz ha osservato che risultati simili sono stati osservati per i pazienti cinesi COVID-19 che hanno avuto crisi cardiache durante le loro cure negli ospedali di Wuhan, l’epicentro originale della pandemia.

Oltre alla formazione di coaguli pericolosi, il grave COVID-19 “stimola anche il sistema infiammatorio causando una tempesta di citochine – una risposta infiammatoria fuori controllo alle infezioni – che può portare a più danni agli organi, che si tratti di cuore, polmoni o reni “, ha spiegato Mintz.

Maggiori informazioni

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno maggiori informazioni sul nuovo coronavirus .

dal sito www.upi.com