Il carcere al tempo del coronavirus
XVI rapporto di Antigone sulle condizioni di detenzione

La pandemia di Covid-19 ha avuto un impatto enorme sulle nostre vite e su quelle di chi sta in carcere. E’ proprio su quanto è accaduto dall’inizio di marzo a oggi nelle carceri italiane che si concentra il nostro XVI Rapporto sulle condizioni di detenzione, che abbiamo intitolato “Il carcere al tempo del coronavirus”. In quale situazione si è inserita la pandemia? Quali sono state le risposte istituzionali? Cosa è accaduto negli istituti di pena e cosa è lecito aspettarsi accadrà? Attraverso dati, statistiche e storie, il rapporto farà luce su tutti questi aspetti.

Vista la fase emergenziale in cui ci troviamo, la presentazione avverrà esclusivamente on-line, sui nostri canali facebook e youtube (vi invitiamo a mettere mi piace alla nostra pagina facebook e a iscrivervi al nostro canale youtube: le notifiche vi permetteranno di non perdere l’incontro).

Assieme ai nostri Patrizio Gonnella (presidente), Susanna Marietti (coordinatrice nazionale), Alessio Scandurra e Michele Miravalle (coordinatori dell’osservatorio sulle condizioni di detenzione e curatori del rapporto), ci saranno anche Bernardo Petralia (Capo Dipartimento Amministrazione Penitenziaria), Mauro Palma (Garante nazionale persone private della libertà personale), Lucia Castellano (Direttore Generale per l’Esecuzione Penale Esterna e di messa alla prova), Andrea Giorgis (Sottosegretario Ministero della Giustizia).

LEGGI IL XVI RAPPORTO “IL CARCERE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS”

LA CARTELLA STAMPA IN ITALIANO E IN INGLESE

dal sito www.antigone.it