L’abuso di minori online in aumento durante il blocco avverte la polizia

L’abuso di minori online in aumento durante il blocco avverte la polizia

Le forze di polizia di tutto il mondo avvertono che criminali e pedofili stanno usando il blocco del coronavirus per colpire i bambini.

I dati raccolti dalla BBC rivelano che la domanda di immagini di abuso è aumentata.

Le notizie di osceno materiale online sono più che raddoppiate a livello globale a oltre quattro milioni tra marzo e aprile.

Il Center for Missing and Exploited Children, con sede negli Stati Uniti, ha dichiarato che alcuni di questi aumenti sono legati a un video particolarmente orribile e ampiamente diffuso.

Nel Regno Unito, dove 300.000 persone sono considerate una minaccia per i bambini, ci sono stati quasi nove milioni di tentativi nell’ultimo mese di accedere a siti Web di abusi sessuali su minori che erano stati precedentemente bloccati da Internet Watch Foundation.

L’ente benefico contro gli abusi sui minori che segnala i siti ai fornitori di servizi Internet, afferma che dall’inizio del blocco c’è stato un calo dell’89% delle cancellazioni dei siti da parte delle società tecnologiche.

Ritiene che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che molte di queste aziende hanno meno personale nel loro servizio di assistenza durante la pandemia.

La polizia nazionale spagnola afferma che le notizie di video di sesso infantile online sono balzate di poco più del 20% da quando poco prima del blocco è iniziato il 13 marzo.

Le loro controparti in Danimarca hanno rivelato che il numero di tentativi di accesso ai siti Web di abuso di minori è triplicato.

Con la maggior parte delle scuole chiuse, i bambini trascorrono più tempo online. Gli esperti affermano che ciò li espone a un rischio maggiore di curare l’abuso sessuale.

Cathal Delaney di Europol ha dichiarato alla BBC: “I bambini sono più vulnerabili, sono isolati, non sono supervisionati tanto online e durante questo periodo trascorrono più tempo online di quanto avrebbero fatto in precedenza.

Impennata oscura del web
“Queste condizioni si prestano ai bambini che vengono avvicinati in modi diversi o costretti o sfruttati”.

La domanda di immagini di abuso è aumentata anche in Australia, dove la polizia afferma che il download è balzato dell’86% nelle tre settimane successive al blocco del 21 marzo.

Il comandante Paula Hudson della polizia federale australiana, ha affermato che molti autori di reati considerano la pandemia come un’opportunità ideale per colpire i bambini.

“Attraverso la rete oscura abbiamo effettivamente identificato forum di sfruttamento minorile a tema Covid-19”, ha dichiarato Cdr Hudson.

“Uno in particolare che stiamo monitorando è cresciuto di oltre 1.000 membri. Stanno discutendo attivamente dell’opportunità Covid di trovare più vittime.

“Il traffico Internet è così intenso che abbiamo scoperto che i sistemi web oscuri si stanno bloccando”.

Abuso nel mondo reale
Molti video di abusi su minori commissionati dai pedofili sono realizzati nelle Filippine, dove i bambini vengono trafficati da anelli di abuso.

I bambini che sono tenuti prigionieri dalle bande sono sottoposti a spaventose violenze alla telecamera. Questi attacchi sono trasmessi in streaming live ai clienti paganti nelle nazioni occidentali, incluso il Regno Unito.

Funzionari nelle Filippine affermano che le notizie sul materiale di abuso online sono aumentate da circa 59.000 a febbraio a oltre 101.000 a marzo, il mese in cui è iniziato il blocco del coronavirus nel paese.

L’International Justice Mission (IJM), un’organizzazione globale che lavora nelle Filippine, afferma che la metà dei bambini salvati dalle bande di abusi ha 12 anni o meno – e si è imbattuta in due vittime che erano bambini di meno di tre mesi .

All’inizio di questo mese, la polizia del paese ha intercettato una banda e ha preso in cura tre bambini, il più giovane dei quali aveva solo sei anni.

I detective sospettano di essere stati costretti a prendere parte a video di abusi in streaming live.

Una donna di 34 anni arrestata durante l’operazione era la madre di due dei bambini presumibilmente maltrattati. Ciò è coerente con la ricerca dell’IJM secondo cui i due terzi degli abusi sono genitori o parenti stretti delle vittime.

I maltrattatori di minori affrontano già termini di vita nelle Filippine – e alcuni legislatori stanno proponendo di modificare la legge per introdurre la pena di morte.

Consigli per genitori, tutori e bambini

  • La National Crime Agency nel Regno Unito ha creato il sito web  “ThinkuKnow”
  • Offre consigli ai genitori e agli altri che lavorano con i bambini su come proteggerli al meglio online.
  • Il sito Web include consigli scritti per i bambini stessi
  • Ha ricevuto oltre 250.000 colpi da quando è iniziata la pandemia
  • La BBC ha anche Own It, una guida per rimanere al sicuro online

Ma Emmeline Villar, sottosegretaria presso il Dipartimento di Giustizia del Paese, ha avvertito che gli adulti vengono attirati nel settore dell’abuso sessuale di minori online perché è difficile trovare lavoro nell’economia colpita dalla pandemia.

“È una grave preoccupazione per noi”, ha detto. “Soprattutto perché sappiamo che questi fattori che sono presenti in questo momento, a causa del blocco, stanno contribuendo alla situazione che consentirebbe sia alla domanda che all’offerta di aumentare”.

La speranza è che man mano che il blocco diminuirà nei paesi di tutto il mondo e le scuole riapriranno, i rischi per i bambini diminuiranno.

Ma per coloro che sono caduti vittime di maltrattamenti, la strada per il recupero può essere lunga e dolorosa.

Ruby dalle Filippine ha subito due mesi di abusi sessuali senza sosta, trasmessi in streaming in diretta a uomini occidentali, prima che fosse finalmente salvata dalla polizia.

“È come essere intrappolati in una stanza buia senza alcun raggio di luce”, ha detto. “Non ha alcun senso vivere. Hanno reso la mia vita così miserabile per anni. Quanto più soffrirò del danno che mi hanno fatto?”

dal sito www.bbc.com