La Gran Bretagna assicura 60 milioni di dosi di vaccino contro il coronavirus Sanofi / GSK

La Gran Bretagna assicura 60 milioni di dosi di vaccino contro il coronavirus Sanofi / GSK

La Gran Bretagna ha siglato un accordo per un massimo di 60 milioni di dosi di un potenziale vaccino contro il coronavirus in fase di sviluppo da parte di Sanofi e GlaxoSmithKline (GSK), ha detto mercoledì, il suo ultimo accordo come la corsa per domare le manche pandemiche su.

Con i suoi quattro accordi finora, la Gran Bretagna ha raggiunto più accordi di fornitura di vaccini contro il coronavirus di qualsiasi altro paese, assicurando 250 milioni di dosi per una popolazione di 66 milioni.

Ma senza che il vaccino abbia ancora dimostrato di funzionare, una serie di potenziali fornitori è considerata la migliore possibilità di successo.

“Resta il fatto che non ci sono garanzie”, ha detto il ministro degli affari Alok Sharma.

“È importante garantire l’accesso anticipato a una vasta gamma di promettenti candidati vaccinali … per aumentare le nostre possibilità di trovarne uno che funzioni”.

Sanofi ( SASY.PA ) e GSK ( GSK.L ) hanno confermato in una dichiarazione che l’approvazione normativa per il loro vaccino potrebbe essere raggiunta entro la prima metà del 2021 se i dati clinici fossero positivi.

È il primo accordo tra Sanofi e GSK per fornire il loro vaccino sperimentale al coronavirus in un paese.

I termini finanziari non sono stati resi noti.

Alla domanda sul prezzo, il CEO di GSK Emma Walmsley ha dichiarato solo che GSK non si aspettava di trarre profitto dal prodotto durante la pandemia e che eventuali guadagni a breve termine sarebbero stati parzialmente reinvestiti nella preparazione alla pandemia e donati ai paesi in via di sviluppo. [L3N2F038V]

Con oltre 20 vaccini nelle sperimentazioni sull’uomo, la mossa potrebbe sollevare preoccupazioni sul fatto che i paesi ricchi, compresi gli Stati Uniti e quelli in Europa, stanno prendendo in anticipo le dosi, potenzialmente a danno delle nazioni più povere.

La scorsa settimana, la Gran Bretagna ha siglato accordi per 30 milioni di dosi di un vaccino sperimentale BioNtech / Pfizer e un accordo in linea di principio per 60 milioni di dosi del potenziale colpo di Valneva, che ha seguito un accordo precedentemente annunciato per 100 milioni di dosi di un vaccino sperimentale Oxford / AstraZeneca.

L’UE e gli Stati Uniti hanno assicurato rispettivamente 400 e 300 milioni di dosi del colpo di Oxford / AstraZeneca, mentre il governo degli Stati Uniti ha anche deciso di acquistare 100 milioni di dosi del vaccino Pfizer / BioNtech, con un’opzione per altri 500 milioni.

Il vaccino Sanofi / GSK combina l’antigene COVID-19 della proteina S di Sanofi e la tecnologia adiuvante pandemica di GSK e i primi studi clinici sono attesi per settembre.

Presentazione (2 immagini)
Gli adiuvanti sono stimolatori di efficacia che svolgono un ruolo vitale in molti vaccini tradizionali. Il vaccino Sanofi e GSK utilizza un approccio diverso dai vaccini Oxford / AstraZeneca o Pfizer / BioNtech.

Sanofi e GSK hanno dichiarato che sono in corso trattative per fornire il loro vaccino all’UE, all’Italia e alla Francia.

Le due aziende sperano di concludere presto un accordo per fornire 300 milioni di dosi all’UE, anche se due fonti hanno riferito a Reuters che i negoziati si sono interrotti.

La Gran Bretagna ha deciso di non aderire al programma di acquisto di vaccini dell’UE per concludere i propri affari.

dal sito www.reuters.com